Consiglio regionale, maggioranza sempre più nel caos

Nella concitata seduta di consiglio di ieri è stata approvata anche la legge elaborata da Ennio Morrone sulla tutela dei liberi professionisti

mercoledì 1 agosto 2018
14:05
3 condivisioni

Dopo l’ennesimo strappo nel centrosinistra si attendono adesso le determinazioni che assumeranno il governatore Mario Oliverio e il capogruppo del Pd Sebi Romeo. L’ultima seduta di consiglio regionale ha regalato due autosospensioni dal gruppo del Pd nuove di zecca: quella di Enzo Ciconte e quella di Carlo Guccione. Le quali vanno ad aggiungersi all’autosospensione di Mimmo Bevacqua e alla creazione del gruppo dei moderati per la Calabria di Franco Sergio, Giuseppe Neri e Tonino Scalzo. Una pattuglia di dissidenti, che si ingrossa sempre di più, e continua a chiedere maggiore confronto invocando riunioni di maggioranza e di gruppo. Ma richieste simili sono arrivate anche da chi, come Giuseppe Aieta, continua a sostenere l’azione di governo di Oliverio. A questo punto e nonostante il governatore abbia detto a chiare lettere che andrà avanti solo se ci saranno i numeri chiedendo la fiducia in una seduta di Consiglio ad hoc, i mediatori sono al lavoro per provare ad ammorbidire le posizioni. E in tanti attendono la convocazione di un vertice per salvare il finale della legislatura che, di sicuro, nessuno degli inquilini di palazzo Campanella, di destra e di sinistra, vuole anticipare.

Durante la seduta approvata anche la proposta di legge di iniziativa di Ennio Morrone a tutela delle professioni per le attività espletate per conto di committenti privati.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: