Depuratore consortile: «Spariti 1,5mln di euro»

Sarebbe sparita nel nulla la prima trance dei finanziamenti destinati al nuovo impianto di Corigliano-Rossano, una mega opera a partecipazione pubblico-privata che dovrebbe risolvere l’annoso problema dell’inquinamento delle acque

giovedì 20 settembre 2018
12:48
1 condivisioni

Dopo una stagione estiva trascorsa a far fronte alla costante carenza idrica e ad un mare non sempre cristallino, a Corigliano-Rossano continua a tenere banco la questione depurazione. La nuova Città ha avuto in dote un project financing per la realizzazione di un depuratore consortile, pensato negli anni scorsi per superare la grave emergenza depurativa dei due ex comuni, e per il quale la nuova polis ha ottenuto un finanziamento regionale di 15milioni di euro, la cui prima trance è già stata erogata. Di questi soldi, però, trasmessi dal Dipartimento ambiente al municipio, non vi sarebbe più traccia. Dove sono finiti?  È quello che oggi si chiede l’associazione Corigliano-Rossano pentastellata. 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: