Scuola “salata”, protesta a Corigliano-Rossano

Caro scuolabus e mensa, la commissione prefettizia comunale vara un prezziario esoso che non piace a famiglie e contribuenti, soprattutto perché non prevede esenzioni per i meno abbienti

giovedì 13 settembre 2018
13:08
1 condivisioni

Lunedì prossimo suonerà la prima campanella anche nelle scuole di Corigliano-Rossano e con l’inizio del nuovo anno scolastico ritornano anche le polemiche. Sulla graticola, questa volta, finiscono le tariffe per il servizio mensa e per lo scuolabus. Che costeranno in media ad ogni famiglia circa 500 euro annui. La commissione prefettizia comunale, nei giorni scorsi, infatti, ha deliberato i prezzi delle due prestazioni a domanda individuale, ritenuti troppo esosi dai cittadini e soprattutto privi di scaglioni di reddito che prevedano l’esenzione per i meno abbienti. Contestualmente, però, si chiede agli organi preposti di vigilare sui falsi poveri e su chi ha situazioni reddituali non corrispondenti poi al tenore di vita.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: