La Madonna e il boss

A Zungri a pretesa di un pregiudicato, di portare a spalla la sacra effigie della Madonna della Neve, costringe i carabinieri a bloccare la processione religiosa. Ma nel piccolo centro vibonese gli abitanti difendono clamorosamente il loro paesano

lunedì 6 agosto 2018
13:09
Condividi

Un pregiudicato, Giuseppe Accorinti, 59 anni, ritenuto esponente di punta della locale consorteria mafiosa, avrebbe preteso di portare a spalla la sacra effigie della Madonna della Neve, durante i tradizionali festeggiamenti a Zungri. Questo il motivo alla base del provvedimento intrapreso dai carabinieri che hanno interrotto nella giornata di ieri, il passaggio dell’effige nelle vie del centro.

 

Leggi anche:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: