Omicidio Piperno, due arresti a Nicotera

Alla base del delitto,  le  pressanti richieste della vittima finalizzate ad ottenere della cocaina pur avendo maturato debiti con gli aggressori

martedì 4 settembre 2018
12:59
Condividi

I carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia e del Ros hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip, nei confronti di altrettanti soggetti italiani, padre e figlio, residenti a Nicotera, ritenuti responsabili, in concorso, di omicidio e di occultamento e soppressione di cadavere.  Le indagini sono state avviate subito il ritrovamento dell'auto e del corpo carbonizzati del 34enne Stefano Piperno, impiegato al Centro di accoglienza straordinaria di Nicotera in attività di formazione per extracomunitari, avvenuta il 20 giugno scorso e di cui era stata denunciata la scomparsa. Ezio Perfidio, di 34 anni, ed il padre Francesco (58) le persone arrestate per l'omicidio di Stefano Piperno. Nell'inchiesta è indagata in stato di libertà anche Sonia Perfidio (30), figlia e sorella degli arrestati, accusata di concorso in distruzione e soppressione di cadavere.

 

Leggi anche: Omicidio Piperno a Nicotera, Stefano ucciso a colpi di fucile al culmine di una lite

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: