Filippo Ceravolo, l’appello al procuratore Gratteri

Una famiglia dilaniata dal dolore che continua a chiedere verità e giustizia per una vittima innocente della criminalità organizzata, Filippo Ceravolo

di Cristina Iannuzzi
mercoledì 4 luglio 2018
13:45
Condividi

«Vogliamo giustizia. Giustizia per nostro figlio, che a distanza di otto anni  non l’ha ancora ottenuta»

È l’ennesimo sfogo di Martino Ceravolo che stamattina davanti al palazzo di Giustizia di Vibo Valentia, ha inscenato una nuova  pacifica protesta .  Si dice pronto a gesti estremi: sua moglie, che devastata dal dolore ha tentato il suicidio qualche giorno addietro, oggi è viva per miracolo.

Chiedono tutti giustizia per Filippo, Filippo Ceravolo. Diciannove anni, vittima innocente della criminalità organizzata. Il 25 ottobre del 2012, sera, chiese un passaggio alla persona sbagliata, Domenico Tassone, un giovane vicino al clan Emanuele, divenuto il bersaglio di un commando armato inviato dai Loielo. Fillippo rimase massacrato dalla pioggia di piombo, Tassone ne uscì illleso.


«Una vicenda paradossale – dice il legale di fiducia, l’avvocato Giovanna Fronte - perché il caso non è stato  archiviato contro  ignoti, ma sono state  archiviate posizioni soggettive ben definite».


L’inchiesta sul delitto, quando sembrava vicina una svolta, fu archiviata. In seguito intervennero i pentiti, prima Raffaele Moscato, più recentemente Nicola Figliuzzi, che hanno consentito di ridefinire quasi completamente il quadro della faida delle Preserre tra gli Emanuele ed i Loielo, come ha dimostrato l’indagine “Black Widows”, che ha fatto luce sul tentativo di omicidio di Alex Nesci, considerato dagli inquirenti figura chiave negli accadimenti di quest’area. Da qui l’appello al procuratore Nicola Gratteri: la morte di Filippo non resti impunita, si faccia presto.


«Non ritengo di essere più in grado di poter continuare a distillare fiducia nella giustizia al signor Ceravolo – dice amareggiata l’avvocato -.  Credo che le istituzioni debbano fare qualcosa per sostenere la disperazione di questa famiglia».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Cristina Iannuzzi
Giornalista
Cristina Iannuzzi è nata a Castrovillari (Cs) il 05/10/1977.Vive a Vibo Valentia dal 1992. E' cresciuta  a pane e televisione. La sua attività inizia sin dagli anni giovanili a Rete Kalabria, prima come speaker, poi come conduttrice e successivamente come giornalista di cronaca e d'inchiesta.  Tra le sue trasmissioni di maggior successo figurano i reportage dalle zone alluvionate delle Marinate di Vibo Marina, dove è stata tra le prime ad arrivare e a lanciare le prime immagini e i  servizi sulla rivolta  degli extra comunitari di Rosarno. Negli anni he anche collaborato alla "Gazzetta del Sud" e ad alcuni  periodici locali. Le principali regole del suo lavoro quotidiano sul fronte dell'informazione sono  la ricerca delle verità e della notizia.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: