Parma deferito, il Crotone riammesso in Serie A?

Tra le conseguenze del pronunciamento della giustizia sportiva potrebbe esserci il ritorno dei pitagorici nella massima serie. Il presidente Vrenna alla finestra in attesa del verdetto

di Redazione
giovedì 21 giugno 2018
16:46
433 condivisioni

La speranza è l’ultima a morire. Sicuramente è ciò che stanno pensando i tifosi del Crotone, allettati dalla prospettiva di un inatteso ritorno in serie A dei propri beniamini. Già, perché la squadra di Vrenna potrebbe essere riammessa nella massima serie nel caso in cui il Parma venisse escluso. Il club ducale, infatti, è stato deferito dalla Procura federale per tentato illecito sportivo, visti i messaggi che sarebbero stati inviati dall’attaccante parmense Emanuele Calaiò a Filippo De Col, giocatore dello Spezia che lo stesso Calaiò ha affrontato all’ultima giornata di campionato, in quello Spezia-Parma terminato 0-2 che valse la promozione in Serie A.


L’inchiesta si concentra su tre messaggi in particolare: «Ehi pippein non rompete il cazzein venerdì mi raccomando amico mio», riferendosi alla partita incriminata, a cui seguirebbe «dillo anche a claudiein (Claudio Terzi ndr)» ed infine «soprattutto per il rapporto che avete con me».
Le conseguenze del pronunciamento della giustizia sportiva sono molteplici e, tra queste, anche la riammissione del team calabrese in Serie A.


Il presidente Vrenna, raggiunto dalla Gazzetta dello Sport, ha dichiarato di seguire la vicenda «perché in caso di condanna ed esclusione dalla Serie A ci potrebbe essere una nostra riammissione come terzultima classificata, cosa che naturalmente richiederemmo. Precisiamo, noi non vogliamo il male di nessuno e non ci sarà mai un accanimento verso terzi, ma a patto che si rispettino leggi e regolamenti. Ricordo che il Crotone è andato in B con i conti a posto e senza debiti. Quello che potrebbe accadere però sarebbe un caso limite non codificato e non soggetto a norma perché non si capisce se il Parma potrebbe subire una penalizzazione come squadra di A o di B. Se la pena interesserà la B allora si creerebbe una confusione enorme con molte squadre che farebbero ricorso perché la griglia play-off andrebbe rifatta rigiocando i match», ha concluso.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: