PALLAVOLO | Tonno Callipo, primo trofeo in bacheca: ecco la coppa “Nonno Gino”

I giallorossi si aggiudicano il memorial organizzato dal volley Sora. In panchina c’è Valentini, rientrato in città dopo l’esperienza mondiale con la Nazionale azzurra

di Alessio Bompasso
lunedì 1 ottobre 2018
10:45
Condividi

La Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia batte Castellana Grotte nella finale del Memorial “Nonno Gino” e si aggiudica così la decima edizione della kermesse promossa ed organizzata dall’Argos Volley Sora. I giallorossi chiudono così nel migliore dei modi un intenso fine settimana che li ha visti disputare due partite di alto livello contro avversarie che a breve affronterà nel Campionato di SuperLega. Una vittoria di prestigio che fa morale ad un gruppo che oggi in panchina ha finalmente ritrovato il suo head-coach Antonio Valentini, reduce dall’esperienza Mondiale con la nazionale italiana nel ruolo di vice allenatore. La compagine giallorossa, a distanza di una settimana esatta dalla sfida di domenica scorsa al PalaGrotte, ha avuto la meglio su Castellana Grotte, mettendo in evidenza ottime cose, soprattutto in cambio palla con percentuali solide. Bene il fondamentale della battuta, bene l’attacco, con Tsimafei Zhukouski (nominato Mvp del quadrangolare disputato a Veroli) abile a distribuire il gioco dei suoi. Bene l’opposto marocchino Al Hachdadi, autore di 18 punti con il 55% in attacco e, ancora una volta, il tedesco Strohbach (anch’egli sopra il 50% con 9 punti realizzati, 8 attacchi vincenti e 1 ace). In banda, coach Valentini è partito con Skrimov titolare insieme a Strohbach, inserendo nel secondo e terzo set l’argentino Lopez al posto del dirimpettaio bulgaro. Per la cronaca, al fischio d’inizio, il tecnico vibonese ha schierato Zhukouski al palleggio, Al Hachdadi opposto, Mengozzi e Vitelli al centro, Skrimov e Strohbach in posto 4, Marra libero. Il tecnico dei pugliesi Tofoli, ha risposto con Falaschi in regia, Zanatta Buiatti opposto, l’ex Scopelliti e Zingel al centro, Mirza e Wlodarczyk di banda, Cavaccini libero.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Alessio Bompasso
Giornalista
Alessio Bompasso è nato il 2 agosto del 1983 a Vibo Valentia. Da “grande” sognava di fare il giornalista ed entrare nelle case dei calabresi per raccontare le notizie giornaliere. Il sogno si è trasformato in realtà, approdando a Rete Kalabria (ora LaC) nel 2008. Il suo appeal da “normal person” lo rende tra i più apprezzati anchorman calabresi. Non ama prendersi troppo sul serio, ma quando si parla di sport si trasforma in una “macchina da guerra” (questo è il suo soprannome nell’ambiente). Sorriso smagliante e ritmo tambureggiante, le sue armi principali. Cocciuto e puntiglioso, i suoi difetti. Calcio e pallavolo, i suoi punti di forza ( ha  praticato entrambe le discipline ma non è mai stato un fenomeno, da li la scelta, più azzeccata, di raccontare lo sport attraverso le colonne di un quotidiano o le immagini della Tv). Ama le statistiche e nei suoi articoli non disdegna di inserirle qua e là. Dal 2013 è corrispondente sportivo, dalla provincia di Vibo Valentia, per la “Gazzetta del Sud”. Ha avuto il pregio e l’onore di ricevere parecchi riconoscimenti in giro per la Calabria, ma, il suo premio più importante lo ritira ogni giorno, entrando, in punta di piedi, nelle case dei calabresi. Come sognava di fare da “grande”. Mail: bompasso@lactv.it

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: