Intitolato campo sportivo in ricordo di Gaetano Scirea a San Roberto

La decisione è stata presa da parte dell'Amministrazione comunale in seguito alle scritte vandaliche sui muri dello stadio Franchi di Firenze, durante l’ultima giornata di campionato 

di Redazione
mercoledì 5 dicembre 2018
11:07
Condividi
Campo sportivo nel parco comunale di San Roberto
Campo sportivo nel parco comunale di San Roberto

A Gaetano Scirea: campione, leggenda che va oltre il tifo ed i colori, un esempio di stile e classe sia in campo sia fuori, uomo straordinario”. È questa l’intitolazione del campo sportivo nel Parco Comunale che, l’Amministrazione di San Roberto ,con una apposita delibera emanata oggi, ha deciso di dedicare a Gaetano Scirea, storico capitano della Juventus. Una decisione presa in seguito alle scritte vandaliche che hanno imbrattato sui muri dello stadio Franchi di Firenze, durante l’ultima giornata di campionato. Scritte offensive hanno attaccato il baluardo della Nazionale Italiana e le vittime dell'Heisel (una tragedia avvenuta il 29 maggio 1985, poco prima dell'inizio della finale di Coppa dei campioni di calcio tra Juventus e Liverpool allo stadio Heysel di Bruxelles, in cui morirono 39 persone, di cui 32 italiane, e ne rimasero ferite oltre 600).

 

In seguito a questo spiacevole episodio l’Amministrazione Comunale di San Roberto si è espressa condannando gli autori dell’ atto di idiozia e di violenza. «Chi ha fatto quella scritta è un nemico dello sport e del vivere civile - ha espresso l'Amministrazione -,  questi gesti non sono accettabili, il calcio, ed in generale lo sport, dovrebbero alimentarsi di passione, di gioia, di colore, di sano sfottò persino, ma non di cattiveria gratuita. Il sindaco, Roberto Vizzari, ha detto: «Esprimo per questo tutta la nostra vicinanza alla signora Scirea per il gesto vergognoso di sabato scorso». 

 

Ha concluso Vizzari: «La condanna non basta, servono i fatti e noi concretamente vogliamo schierarci contro chi infanga lo sport ed i suoi valori. Criminali che, per colpa di chi glielo ha permesso, credono di essere i proprietari del gioco del pallone, e che, invece, sono un male da estirpare. L’intitolazione a Scirea del campo sportivo vuole essere un esempio per i nostri ragazzi, che osservano quotidianamente cosa accade, e serve loro da monito per distinguere il bene dal male».

La cerimonia sarà organizzata una volta concluso l’iter burocratico previsto dalla normativa relativamente alle intitolazioni di spazi ed aree pubbliche.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: