A Crotone calcio fa rima con fede religiosa - VIDEO

La permanenza in Serie A da parte dei rossoblu passa dall'ultima di gara di campionato contro il Napoli, partita che si tiene il giorno della festa della Madonna di Capocolonna

di Giuseppe Laratta
lunedì 14 maggio 2018
13:23
34 condivisioni

Il Sud è una terra fantastica, piena a volte di contraddizioni, ma che nel suo essere intrinseco ha delle particolarità che il resto del globo se le sogna. Un esempio lampante? Il calcio e la fede religiosa. Tecnicamente queste due cose sono legate da un filo impercettibile che, ovviamente, non vuol cadere nella blasfemia. Nello specifico, nel capoluogo pitagorico, tutti, chi più chi meno, sono devoti alla Madonna di Capolonna e al Crotone Calcio, due facce della stessa medaglia crotonese.

 

Parlando di calcio e fede religiosa, quest'anno la salvezza o meno del club rossoblu è appesa all'ultima giornata di campionato, che si terrà domenica 20 maggio, dove il Crotone incontrerà il Napoli di mister Sarri al San Paolo. Ecco un altro esempio di vera tipicità meridionale positiva, la squadra azzurra e San Gennaro, patrono del capoluogo partenopeo.

 

Il pareggio del Crotone ieri contro la squadra di mister Inzaghi, ha rimandato la “pratica” salvezza a domenica prossima; c'è un po' di sconforto tra i tifosi rossoblu, carichi più che mai soprattutto nelle ultime gare contro il Chievo e la Lazio – in quest'ultima la Curva Sud ha sfoggiato una delle più belle coreografie mai realizzate. Sconforto che però si scansa facendo posto alla fede, al solo pensiero che l'ultima gara di campionato, nella quale ci si gioca la permanenza in Serie A, si terrà lo stesso giorno della festa della Madonna di Capocolonna. 

 

È tutta una “preghiera” affinchè il miracolo salvezza possa avverarsi anche quest'anno, dove si chiede alla Madre di tutti i crotonesi un altro anno nella massima competizione calcistica italiana. Ripetiamo, senza blasfemia. E' tutto un pensiero colorato che non cadrebbe mai in volgarità o nella mancanza di rispetto verso i "supporters" religiosi. Chissà dall'altra parte San Gennaro cosa ne pensa?

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Giuseppe Laratta
Giornalista
Giornalista pubblicista dal 2015, inizia a muovere i primi passi a 16 anni approdando a Radio Studio 97, emittente radiofonica a copertura provinciale, in qualità di regista, speaker e dj, con una collaborazione durata dal 2004 al 2017. Nel 2011, grazie a un tirocinio universitario, inizia un percorso con l'Arteria Music Label, etichetta discografica indipendente di Bologna, dove cura la parte social, i contatti con gli artisti, e la redazione di articoli promozionali delle produzioni musicali. Nel gennaio del 2013, dopo la parentesi universitaria, rientra nella sua Crotone dove intraprende l'attività giornalistica a Esperia Tv, emittente televisiva a copertura regionale, per due anni, nei quali ottiene il patentino di giornalista pubblicista, iscrivendosi all'apposito albo nel luglio del 2015. Nel 2016 cura i rapporti con la stampa per il candidato e futuro sindaco pitagorico Ugo Pugliese; nello stesso anno inizia a collaborare con le testate locali CrotoneOk e il Rossoblu – conclusa a dicembre 2017 – e con Il Quotidiano del Sud, che continua ancora. Nel gennaio 2018 entra a far parte della redazione di LaC News 24 come corrispondente da Crotone e provincia. Ha una grande passione per la musica, la lettura, e suona il pianoforte dall'età di 14 anni.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: