Ad Acri in scena “Bohème”. A condurre la serata la showgirl Simona Ventura

La signora più amata della televisione italiana torna a presentare lo spettacolo della Art Show Dance Academy tra immaginazione, talento e arte. Sul palco anche Alessandra Celentano, madrina dell’evento

26 giugno 2019
12:18
150 condivisioni
Lo spettacolo ad Acri
Lo spettacolo ad Acri

Fantasia, immaginazione, talento, arte nella sua forma più pura e fuori da ogni schema: tutto questo è  “Bohème” l’attesissimo spettacolo della Art Show Dance Academy scritto e diretto da un giovane talento calabrese, Giuseppe Ferraro, che ne ha curato anche le coreografie e che si terrà domenica 30 giugno 2019 alle ore 21.00 nell’Anfiteatro di Acri in provincia di Cosenza. A condurre la serata, anche quest’anno, una delle signore più amate della televisione italiana, l’esplosiva e graffiante Simona Ventura. La madrina sarà per il nono anno consecutivo la maestra Alessandra Celentano, autorevole coreografa del programma Mediaset “Amici”,  il padrino Fabrizio Mainini apprezzato coreografo nelle più importanti trasmissione del panorama televisivo nazionale, e nelle vesti di co-conduttore si conferma il poliedrico e brillante Francesco Capodacqua anch’egli talento scoperto da Maria De Filippi.

“Bohème”

In “Bohème” sono previsti ben 67 quadri coreografici con il coinvolgimento dei  150 allievi, ballerini della scuola, seguiti anche da Lucia Amodio insegnante e coreografa, grazie al suo instancabile lavoro ha seguito in ogni passo tutti i giovani danzatori. Lo spettacolo è supportato da un impeccabile squadra di maestranze: oltre 50 persone tra tecnici di palcoscenico e assistenti che permetteranno la messa in scena di uno Show da ricordare. 50 è anche il numero di truccatori e parrucchieri a cura dell’AME Aura Mediterranea di Cosenza che si occuperanno del look di tutti gli artisti in scena.

«Ho voluto intitolare lo spettacolo Bohème in riferimento al movimento artistico francese. Il termine bohémien fu usato  per descrivere lo stile di vita  degli artisti, marginalizzati e impoveriti delle maggiori città europee. Nella mia interpretazione Bohème esula da qualunque definizione di tipo ideologico o scolastico per riferirmi  a quegli artisti  di genio che vivono la lacerazione fra sé in quanto artista, e dunque individuo, e la società, a causa dell'incomprensione da parte di quest'ultima del valore della propria arte, ma in generale per il valore dell’arte di ogni artista», ha affermato il direttore artistico Giuseppe Ferraro, pronto ed emozionato per il grande evento.  «Dunque questo spettacolo nasce dalla volontà di contrapporsi ad ogni superficiale convenzione della moderna società, un singolare modo per ritrovare una forma di libertà e dare sfogo all’immaginazione, alla fantasia ed in generale all’arte», ha concluso Ferraro.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio