«La sanità in Calabria trasformata in un pollaio»

Le parole del senatore Forza Italia Giuseppe Mangialavori: «I dieci anni di commissariamento hanno peggiorato la qualità delle prestazioni erogate»

mercoledì 30 maggio 2018
16:23
17 condivisioni
Il senatore Giuseppe Mangialavori
Il senatore Giuseppe Mangialavori

«Mentre i due galletti lottano, il pollaio brucia». Così il senatore Giuseppe Mangialavori in relazione alle ultime vicende della sanità calabrese che vedono protagonisti il presidente della Regione Mario Oliverio e il commissario ad acta Massimo Scura.

 

«L'ultimo scontro tra Oliverio e Scura, relativo alla controversa figura del direttore generale dell'Asp di Reggio - prosegue il parlamentare di Forza Italia -, dimostra una volta di più come l'intera sanità calabrese sia ormai completamente allo sbando. Da medico prima che da politico, sono estremamente preoccupato per quanto sta succedendo in un settore che avrebbe bisogno di essere governato per mezzo di strumenti quali il buonsenso, la competenza e la meritocrazia, sulla scorta di uno spirito di servizio nei confronti dei cittadini ormai definitivamente smarrito. La sanità calabrese - aggiunge Mangialavori - è stata trasformata in un pollaio continuamente squassato dalle lotte di due galli irresponsabili, che persistono nell'anteporre le loro beghe personali alla salute dei calabresi. Il duello tra Oliverio e Scura va avanti da troppo tempo, senza che i due principali responsabili di questo disastro siano capaci di siglare un accordo di non belligeranza che permetta al settore sanitario di risollevarsi prima che sia troppo tardi».

 

«Nessun rientro nel debito»

«Il commissariamento della Sanita', che va avanti ormai da quasi dieci anni - osserva il senatore azzurro -, non solo non ha permesso alla Calabria di rientrare dal suo debito monstre, ma ha nettamente peggiorato la qualita' delle prestazioni erogate, ha determinato il congestionamento degli ospedali hub, ridotto all'osso i servizi offerti dagli spoke, determinato l'allungamento delle liste d'attesa, compromesso il diritto alla prevenzione, incrementato la mobilita' passiva, tradito i livelli essenziali di assistenza. Viene da chiedersi, allora, perche' mai il governo uscente targato pd abbia voluto persistere nel mantenere questo regime straordinario e, soprattutto, perche' abbia dato fiducia a un "ingegnere" del tutto inadatto al ruolo. Alle evidenti colpe di Scura - sottolinea ancora Mangialavori - vanno pero' sommate quelle, altrettanto patenti, di Oliverio, incapace di farsi ascoltare dal suo governo e di prendere le redini di un settore in forte crisi. Piuttosto che ingaggiare un diuturno quanto sterile faccia a faccia con il commissario, il governatore avrebbe dovuto avere il coraggio di mettere con le spalle al muro il suo stesso partito e di portare questa protesta, se necessario, fino alle estreme conseguenze».

«Anni di fallimenti»

«Purtroppo - conclude il senatore calabrese -, dopo anni e anni di fallimenti e di promesse tradite, siamo ancora qui a commentare le ultime performance dialettiche di due galletti che, quanto meno per decenza, dovrebbero avere l’onestà intellettuale di tacere».  

 

LEGGI ANCHE: Calabrese contro Oliverio: «Brancati ha trasformato la sanità in una macelleria»

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: