Ospedale di Locri, sindaci e cittadini in piazza per il diritto alla salute

VIDEO | Stamane il sit-in davanti all'ospedale locrese. Concordata una piattaforma in 11 punti. il sindaco Calabrese: «Non ci fermeremo»

di Ilario  Balì
sabato 20 ottobre 2018
13:05
40 condivisioni

Una protesta ad oltranza. Stamane i sindaci della Locride si sono dati appuntamento davanti all’ingresso dell’ospedale di Locri, per rivendicare il diritto ad una sanità più efficiente e funzionale al territorio. Un presidio permanente fuori dal nosocomio locrese che continuerà anche nei prossimi giorni e che si concluderà soltanto quando saranno date delle risposte e soprattutto quando si vedranno delle azioni concrete per risolvere definitivamente una situazione spinosa.

Cosa chiedono i sindaci

Gli undici punti principali della piattaforma, individuata dai sindaci, per continuare a lottare in difesa dei diritti dei cittadini e per costruire un futuro sicuro sono tra le altre cose la costituzione di un’unità strategica per l’ospedale di Locri, un ospedale “spoke”a tutti gli effetti, rispetto della dotazione dei posti letto, adeguamento immediato delle risorse umane, tecnologiche e strumentali di ogni struttura di ricovero, nomina dei primari in tempi brevi e certi, copertura del personale medico e paramedico come da pianta organica, rigida applicazione del piano aziendale, efficientamento del pronto soccorso, ripristino della casa della salute di Siderno, creazione di una rete del 118.

Il sindaco Calabrese: «Non siamo rimasti inermi»

Il sindaco Calabrese ha voluto evidenziare il suo pensiero con queste parole: «Abbiamo fatto tutti i tentativi, attraverso la grande dimostrazione pubblica del 2015; con gli incontri a Roma e per ultimo con quello tenuto a Locri con la presenza di Scura e altri parlamentari. I risultati non si sono visti. Non ci rimane che attuare questo nuovo tentativo, nessuno può dire che siamo rimasti inermi, ci siamo dati da fare, ma hanno orecchie da mercante».

 

LEGGI ANCHE: Ospedale di Locri, i sindaci sul piede di guerra

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista
Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il suo interesse è stato rivolto al giornalismo e alla comunicazione. A fine 2004 ha sostenuto il tirocinio universitario presso l’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria. Il contatto con un quotidiano vero e proprio nel 2006, da collaboratore con Calabria Ora (poi L'Ora della Calabria). La collaborazione si è intensificata dal 2010 fino alla chiusura (giugno 2014), periodo nel corso del quale alla normale attività di collaboratore è seguita quella di redattore. Da settembre 2015 a maggio 2016 ha collaborato come pagellista per la testata calciomercato.it. Da ottobre 2016 a maggio 2017 ha ricoperto l’incarico di redattore nel quotidiano regionale Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: