Ospedale di Locri, 200 pazienti “abbandonati”: chiesto il processo per Brancati

Il direttore generale dell'Asp di Reggio è accusato di abuso d'ufficio e interruzione di pubblico servizio

di Ilario  Balì
lunedì 23 aprile 2018
22:27
27 condivisioni
l’ospedale di Locri
l’ospedale di Locri

Il Procuratore di Locri Ezio Arcadi ha chiesto il rinvio a giudizio per il direttore generale dell’Asp di Reggio Giacomino Brancati e per il direttore del dipartimento Area ospedaliera Domenico Calabrò, accusati di omissione di atti d’ufficio, interruzione di servizio pubblico e abbandono di persone minori o incapaci.

 

Il caso riguarda la situazione in cui versa il reparto di Ortopedia dell’ospedale di Locri. «In particolare gli stessi – si legge nella richiesta formulata dal pm al Gup - non adottavano alcun provvedimento di tipo organizzativo o gestionale volto a risolvere la criticità e quindi assicurare le urgenze ortopediche e attivare il percorso assistenziale del politrauma; limitandosi, viceversa, ad adottare apparenti provvedimenti-tampone che si rivelavano da subito del tutto inefficaci, talora tra loro in contraddizione e cervellotici, spesso irrispettosi delle competenze fissate dagli atti organizzativi generali e delle norme generali in materia di livelli essenziali di assistenza; provvedimenti che, alla fine, procuravano ripetuti blocchi dei ricoveri, il sostanziale azzeramento della Soc di Locri e dell’omologa Struttura di Melito, assolutamente vitali dal punto di vista dell’assistenza sul territorio e costringevano i pazienti ad una forzata migrazione verso altre strutture della Provincia».

 

Tra le accuse contestate a Brancati, quella «Di non avere compiuto nulla di veramente significativo affinchè fosse espletato il concorso per la copertura del posto di Direttore della Struttura d Locri, vacante addirittura dal 1 giugno 2012». Secondo la Procura di Locri sarebbero circa 200 i pazienti «abbandonati» che necessitavano di cure.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista
Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il suo interesse è stato rivolto al giornalismo e alla comunicazione. A fine 2004 ha sostenuto il tirocinio universitario presso l’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria. Il contatto con un quotidiano vero e proprio nel 2006, da collaboratore con Calabria Ora (poi L'Ora della Calabria). La collaborazione si è intensificata dal 2010 fino alla chiusura (giugno 2014), periodo nel corso del quale alla normale attività di collaboratore è seguita quella di redattore. Da settembre 2015 a maggio 2016 ha collaborato come pagellista per la testata calciomercato.it. Da ottobre 2016 a maggio 2017 ha ricoperto l’incarico di redattore nel quotidiano regionale Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: