Il consiglio comunale di Rende: «Manna porti qui il nuovo ospedale»

Documento approvato all'unanimità. Nel frattempo a Palazzo dei Bruzi si continua a prendere tempo ma non tutta la maggioranza condivide la linea assunta dal presidente del consiglio

di Salvatore Bruno
martedì 5 giugno 2018
23:18
Condividi

Il consiglio comunale di Rende ha approvato all’unanimità un atto di indirizzo con il quale dà mandato al sindaco di Rende di interloquire con la Regione per proporre la realizzazione del nuovo ospedale pubblico dell’area urbana nel territorio della città del Campagnano alla luce del fatto «che – si legge nel documento – oltre a quello in prossimità dell’Unical e di proprietà della Provincia, Rende ha disponibilità di altri siti adeguati e rispondenti ai requisiti», necessari per la costruzione del nosocomio. In altre parole: se Palazzo dei Bruzi non si decide, mettendo a repentaglio le risorse già destinate all’importante infrastruttura, a Rende c’è l’imbarazzo della scelta.

Palazzo dei Bruzi per adesso tace

La riunione calendarizzata nel giro di pochi giorni dal presidente del consiglio di Rende Mario Rausa suona come una mortificazione per l’omologo di Cosenza Pierluigi Caputo, sollecitato da mesi a riunire l’assise sull’argomento ed ancora impantanato nelle procedure di convocazione della conferenza dei capigruppo. Certamente non per incapacità ma per rispondere ad una precisa strategia politica. Non tutta la maggioranza però, è allineata a questa posizione di attesa.

Cosenza Positiva: «Basta tergiversare»

La presidente della Commissione consiliare sanità Maria Teresa De Marco più volte ha sollecitato Caputo a riunire il consiglio sullo specifico tema. E nelle ultime ore anche il suo collega di partito, Giuseppe d’Ippolito, esponente di Cosenza Positiva-Fratelli d’Italia, ha rilasciato una dichiarazione nella quale afferma che «tergiversare oltre non è possibile. Non si tutela il diritto alla salute procrastinando o differendo sine die la soluzione dei problemi» dice, aggiungendo tuttavia «che certo tali problemi non saranno risolti né con la scelta della localizzazione dove far sorgere il nuovo nosocomio, né con la sua consegna ai cittadini che non sarà certamente immediata, mentre, invece, restano inascoltate tutte le istanze che quotidianamente vengono disattese dalla gestione regionale targata Oliverio e Scura» riferendosi anche al taglio delle prestazioni ambulatoriali.

La posizione di Democrazia Mediterranea

Tra le voci dissidenti anche quella di Salvatore Pichierri, segretario regionale di Democrazia Mediterranea, movimento rappresentato in consiglio comunale da Vincenzo Granata. Secondo Pichierri «la migliore proposta in campo è certamente quella di Vaglio Lise, avanzata dalla Regione Calabria». Un’area agevolmente cantierabile, sottolinea Picchierri convinto anche dalla bontà del progetto di trasformare l’attuale nosocomio dell’Annunziata in una moderna ed efficiente città della salute con il proprio cuore pulsante proprio al posto dell’odierno presidio ospedaliero.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: