Provinciali Catanzaro, veleni nel centrodestra: convocata riunione di maggioranza

Al centro dell'incontro l'esito del voto e le esclusioni eccellenti del sindaco di Tiriolo, Mimmo Greco, e di Andrea Amendola consigliere comunale di Obiettivo comune. Ecco la composizione della nuova assemblea del Palazzo di vetro

di Luana  Costa
giovedì 1 novembre 2018
11:29
6 condivisioni

Non tutto è sempre come appare. E la plastica dimostrazione l'hanno fornita ancora una volta le votazioni per eleggere il nuovo presidente della Provincia di Catanzaro che hanno tracciato un quadro ben preciso non solo della compatezza dimostrata nelle urne dal Partito Democratico, al netto delle annunciate prese di distanza, ma sopratutto dei rapporti di forza che animano la maggioranza di governo a Palazzo De Nobili evidentemente attraversata da movimenti tellurici venuti ora allo scoperto.

Fedele alla causa

La lista creata dai due consiglieri regionali democrat Vincenzo Ciconte e Antonio Scalzo, ufficialmente non schierata a favore del candidato del Partito Democratico Ernesto Alecci, si è alla fine dimostrata fedele alla causa. Non è da lì che sarebbe provenuta infatti l'unica astensione registrata negli schieramenti di centrosinistra, pesata come un macigno al momento del voto e che ha precluso la corsa del sindaco di Soverato alla conquista di Palazzo di Vetro. Già al termine dello spoglio la defezione era stata attribuita ad un consigliere comunale eletto nel centrosinistra ma poi transitato al gruppo misto e più volte sul punto di fare il salto della quaglia se non fosse per il niet posto già in campagna elettorale dal sindaco Sergio Abramo che aveva giurato vendetta contro i "traditori", che alle amministrative erano saliti sul carro del presunto vincitore Vincenzo Ciconte, poi sconfitto sonoramente.

Fuoco amico

E se Atene piange, di certo Sparta non ride. Il day after per il centrodestra è al veleno e già oggi è stata convocata una riunione d'urgenza di maggioranza per analizzare oltre l'esito del voto anche la dinamica del fuoco amico che stava per minare l'elezione del sindaco Sergio Abramo, per un soffio nominato nuovo presidente della Provincia di Catanzaro. E', insomma, caccia al traditore il cui "identikit" resta per ora avvolto nel mistero sebbene si rincorrano le voci che a fare lo sgambetto ad Abramo possano essere stati due appartenenti al gruppo di Forza Italia, voci fuori dal coro in numerosi consigli comunali. Ma si discuterà soprattutto dei due esclusi eccellenti della nuova assemblea provinciale: il sindaco di Tiriolo, Mimmo Greco, candidato in quota Aiello e di Andrea Amendola consigliere comunale di Obiettivo Comune, costola di Forza Italia. Secondo la suddivisione dei voti predisposta dal centrodestra i due candidati sarebbero dovuti entrare scientificamente in consiglio provinciale ma le consultazioni hanno restituito un esito ben differente e di questo dovrà rendere conto nel corso della riunione di maggioranza chi procacciandosi un voto in più rispetto agli accordi elettorali ha impedito l'ingresso dei due candidati a Palazzo di Vetro.

Il consiglio provinciale

Sergio Abramo è il nuovo presidente della Provincia di Catanzaro con 46.885 i voti ponderati contro i 46.437 conseguiti dal competitor Ernesto Alecci. Il consiglio provinciale sarà composto da Antonio Montuoro (8.202 voti), Filippo Mancuso (6.344 voti), Luigi Levato (4.115 voti), Arena Baldassarre (3.147) per la lista Centrodestra per la provincia. Sono stati eletti per la lista Destra Civica: Fernando Sinopoli (5.755 voti), Ezio Pratico' (5.121 voti), Giuseppe Pisano (4.596 voti). La Lega è riuscita a piazzare un candidato: Nicola Azzarito Cannella (2.457 voti). Nel centrosinistra è stato eletto nella lista del Partito Democratico solo Davide Zicchinella (4.256 voti). L'Area civica ne ha spuntati invece due: Marziale Battaglia (4.485 voti) e Gregorio Gallello (3.445). I Riformisti moderati sono riusciti a far eleggere Giovanni Costanzo (5.429).

 

Luana Costa

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: