Migranti, Furgiuele (Lega): «Gli hotspot di Corigliano e Crotone non si faranno»

La soddisfazione del deputato: «È davvero finita la pacchia per l'imprenditoria della disperazione»

di Redazione
martedì 3 luglio 2018
22:34
124 condivisioni

«Un'altra buona notizia c'è ed è assolutamente in linea con la politica della concretezza che il ministro Salvini sta attuando dal primo minuto in cui si è insediato al Viminale. Gli hotspot di Corigliano e Crotone non si faranno». È quanto afferma Domenico Furgiuele, deputato eletto in quota Lega.
«Queste strutture resteranno nel libro dei sogni dei non pochi aspiranti imprenditori della disperazione che già pregustavano i vantaggi di una possibile loro realizzazione.
La certezza – continua - che gli strombazzati hotspot rimarranno sulla carta dei programmi politici della sinistra costituisce un fatto di grande importanza che incrocia le esigenze di un territorio che non vuole diventare il più grande campo profughi d'Italia.
Già tempo fa avevo segnalato, oltre che discusso approfonditamente, la questione ai vertici del mio partito, Segretario in primis. Oggi la notizia dello stop alle infrastrutture della miseria, che ci deve rallegrare perché è un segno tangibile dell' inversione di rotta a livello internazionale che il nostro paese ha iniziato grazie all'azione di Matteo Salvini. È davvero finita – conclude il deputato - la pacchia per l'imprenditoria della disperazione».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: