«I fiumi di Rende sono fogne a cielo aperto»

A denunciare le condizioni dei corsi fluviali i consiglieri comunali di Rende Centro Destra: «Rischio epidemie»

di Redazione
lunedì 10 settembre 2018
16:34
40 condivisioni

I consiglieri comunali di Rende Centro Destra, Mario Bruno, Serena Russo, Annarita Pulicani sono intervenuti sulle condizioni dei parchi fluviali del centro bruzio, sottolineando che «l’amministrazione Manna è miope sui veri problemi che affliggono la città e pensa solo ad organizzare sagre e inaugurazioni di opere peraltro realizzate dalle precedenti amministrazioni. La verità – continuano i consiglieri - è che Manna in questi ultimi 2 anni ha pensato solo a formare un’armata brancaleone reclutando candidati a sindaci e consiglieri eletti nelle altre liste contrapposte, al solo scopo clientelare di dividersi poltrone e incarichi. Rende ha avuto una regressione di un decennio, con la chiusura di attività commerciali, carenza d’acqua, assenza di manutenzione, edifici fatiscenti, verde pubblico all’abbandono, senza un piano urbanistico e con problemi sociali sempre più gravi. Manna non è stato capace di valorizzare i 2 fiori all’occhiello del territorio, l’Unical e la zona industriale, che rappresentano un richiamo per l‘intera area urbana e per tutta la Calabria, delegando così di fatto Rende a periferia di Cosenza e Montalto. I fatti parlano da soli, ecco come l’amministrazione Manna ha ridotto la città: i parchi fluviali Emoli e Surdo e le loro acque sono ormai ridotte a fogne a ciel aperto. Sono anni ormai che, nonostante le segnalazioni fatte da numerosi cittadini, rappresentanti pubblici, comitati spontanei, i fiumi continuano ad emanare un odore pungente, fastidioso, espressione dello scarico di liquami nel loro letto. Basta costeggiare gli argini per rendersi conto di quella che è una vera emergenza ambientale. Alla vegetazione fuori controllo, segno di un assoluto disinteressamento di questa amministrazione si aggiunge anche il pericolo per i cittadini di contrarre malattie e il rischio di una epidemia trasmessa dalle zanzare. Eppure, il problema è ben conosciuto da questo sindaco ma, a fronte di una formale constatazione della emergenza e delle ripetitive promesse di intervento, nulla si muove. Intanto il fiume muore, le erbacce crescono in maniera esponenziale, i topi, le zanzare e tantissime altre varietà di insetti invadono i centri abitati. Ci rendiamo conto che, essendo già in campagna elettorale, è molto più conveniente per loro impegnare risorse economiche in consulenze, incarichi, promesse clientelari al fine di racimolare qualche voto, piuttosto che tutelare la salute e il benessere dei rendesi. Intanto gli abitanti di Surdo, Saporito, Failla e Commenda stanchi di questa situazione aspettano un amministratore, questa volta rendese, responsabile, che ami questa città».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: