Regionali, è guerra nel Movimento 5 Stelle: Molinari attacca Morra

Volano gli stracci tra i grillini. Accuse reciproche tra i vertici regionali e nuova fronda interna, che punta direttamente la leadership di Grillo e Casaleggio.

di redazione
26 novembre 2014
11:08
Condividi
Il senatore grillino Francesco Molinari
Il senatore grillino Francesco Molinari

Regionali- Beppe Grillo ha esultato per i risultati delle regionali in Emilia, e ha derubricato l’ennesima sconfitta in Calabria, dove non avrebbe voluto neanche presentarsi alle elezioni. Dichiarazioni che hanno provocato l’immediata reazione polemica di parte dei suoi parlamentari, che ora chiedono una immediata svolta nella gestione della comunicazione, e un passo indietro da parte dei due leader, Grillo e Casaleggio. A chiederlo anche il senatore Nicola Morra, che finisce però nel mirino dei 5stelle fedelissimi di Grillo. In primis il senatore Francesco Molinari, che addebita a lui la sconfitta alle regionali in Calabria.


“E’ forse sulla scorta del risultato elettorale ridicolo che il senatore Morra si permette di avanzare la tutela del M5S e dettare la strategia della prossima agenda del nostro gruppo parlamentare? – dichiara Molinari – qualcuno dovrebbe fare pace con sé stesso. Mi rendo conto che la coerenza, per chi è abituato a esprimersi per conto terzi su tutti giustificando il suo contrario, non costituisce un riferimento certo ma mi sembra impossibile che di fronte a certe dichiarazioni ci si possa trovare di fronte a un caso di sdoppiamento della personalità. Soltanto all’indomani del recente insuccesso nelle elezioni comunali di Reggio Calabria il senatore Morra ebbe a dire che quello reggino non era un risultato indicativo, in quanto frutto di circostanze locali, di divisioni interne e di inadeguatezze del candidato portavoce, l’architetto Vincenzo Giordano”.


“In seguito al tracollo del M5S alle elezioni regionali – conclude Molinari – da lui direttamente patrocinate e maturate sotto la sua direzione, la stessa voce autorevole ha riferito che siamo percepiti come gli altri partiti, che dobbiamo resettare i meet up e fare pulizia. Subito dopo l’eclettico Morra ha detto che è arrivato il momento per Grillo e Casaleggio di lasciare che il loro figliolo si assuma le responsabilità connesse all’età adulta”.

 

Paolo Becchi contro Grillo – Anche Paolo Becchi attacca Grillo per l’atteggiamento tenuto durante le regionali in Calabria. L’ex ideologo del Movimento, già scomunicato dal blog di Casaleggio e Grillo, in una intervista al settimanale calabrese “Mezzoeuro”, critica la gestione della campagna elettorale da parte del leader del movimento.


“Mi appare certamente discutibile la scelta di Beppe di tenersi lontano dai territori, limitandosi a qualche sporadica apparizione last minute in questa campagna elettorale – ha dichiarato Becchi – la sua presenza avrebbe certamente prodotto un consistente numero di voti, avrebbe smosso le coscienze e creato entusiasmo partecipativo da parte dei simpatizzanti che sono ancora tanti ed entusiasti. Vorrei aggiungere che tutte le regioni meritano pari considerazione. Non si capisce per quale motivo ad esempio la Calabria è quasi assente sul blog, che poi è quello ufficiale del Movimento. Tutta l’attenzione è stata concentrata sull’Emilia Romagna”.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
COMMENTI
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio