Centrosinistra a pezzi, Guccione: «Basta, ridiamo la parola agli elettori»

Finisce come peggio non poteva la seduta di Consiglio regionale sulla preferenza di genere. Oliverio dopo la lite con Gallo va via, mentre i suoi lo attaccano e chiedono il voto anticipato

di Ric. Trip.
11 marzo 2019
20:58
450 condivisioni

Finisce come peggio non poteva la seduta di Consiglio sulla doppia preferenza di genere. Dopo una giornata vissuta pericolosamente tra insulti e sospensioni, alla fine il centrosinistra deve prendere atto di non avere i numeri ed è costretto al rinvio della legge.

Non solo. Viene sbeffeggiato anche dai suoi. Al rientro dopo la pausa che ha sospeso i lavori, arrivano due stoccare fortissime al governatore Oliverio e alla sua maggioranza. Prima Orlandino Greco bacchetta la sua maggioranza (ex?) «Avremmo dovuto votare anche per rispetto alle donne che sono qui da stamattina e assumerci le proprie responsabilità».

Più duro Carlo Guccione: «Basta, ridiamo la parola agli elettori – ha tuonato Guccione – non ci sono i numeri e si continua a fare la voce grossa per poi scappare (il riferimento è a Oliverio che è andato via ndr). Siamo rimasti fino ad ora solo perché la minoranza ha tenuto il numero legale, adesso basta. Il centrosinistra prenda atto che non ci sono le condizioni per proseguire». Applausi a scena aperta dalla minoranza che segnano la definita evaporazione della maggioranza di governo.

 

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ric. Trip.
Giornalista

Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politi...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio