Sciolti per mafia, i commissari mettono in riga i 18 comuni calabresi - VIDEO

Il report pubblicato sul sito del Ministero dell’Interno evidenzia i passi in avanti: dalla raccolta differenziata a Bova e Brancaleone, all’assunzione di vigili urbani a Tropea, passando per il miglioramento dei servizi scolatici a Bagnara, Bovalino, Nardodipace

di Redazione
mercoledì 4 aprile 2018
12:24
43 condivisioni

Un graduale rientro nella legalità: nei Comuni commissariati per infiltrazioni mafiose nel 2017, il ripristino della normale attività amministrativa, affidato alle commissioni straordinarie di nomina prefettizia, si è rivelato un lavoro lungo, caratterizzato da vari passaggi. E' questo il quadro che emerge dalla relazione del ministero dell'Interno «sull'attività delle Commissioni per la gestione straordinaria degli enti sciolti per infiltrazione e condizionamento di tipo mafioso».  Nel report - pubblicato sul sito istituzionale del Ministero dell'Interno - si fa il punto sui risultati delle gestioni straordinarie insediate dopo lo scioglimento del Comune per il condizionamento della criminalità organizzata.

I 18 Comuni calabresi azzerati

In Calabria, nel 2017, le commissioni straordinarie hanno operato in 18 Comuni "azzerati": si tratta di Lamezia Terme, Sorbo San Basile, Cropani, Petronà (Catanzaro), Cassano Ionio (Cosenza), Isola Capo Rizzuto (Crotone), Canolo, Laureana di Borrello, Bova Marina, Gioia Tauro, Brancaleone, Marina di Gioiosa Jonica, Bovalino, Bagnara e Rizziconi (Reggio Calabria), Nardodipace, Tropea e Nicotera (Vibo Valentia).

I legami con le cosche

La relazione del Ministero dell'Interno illustra anche i segnali "spia" che configurano la permeabilità di un'amministrazione comunale alle infiltrazioni delle cosche: il disordine contabile e finanziario, l'assenza o l'inadeguatezza di regolamenti comunali, la mancanza di rigore e di controlli nell'affidamento dei lavori pubblici e negli appalti, la mancanza degli strumenti di pianificazione urbanistica, la mancanza di trasparenza e di comunicazione ai cittadini. Su alcuni di questi aspetti le commissioni straordinarie insediate in Calabria sono già intervenute.

Le attività portate avanti a Bova Marina, Brancaleone e Nardodipace

Nel report del Viminale si registra il fatto che a Nardodipace si sono regolamentate le materie delle sanzioni amministrative, patrocinio legale, servizio idrico, igiene ambientale, diritto di accesso civico, servizio economato e di cassa, nel Comune di Bagnara è stato approvato il regolamento per la assegnazione e l'utilizzo delle palestre scolastiche comunali, in quello di Bovalino il regolamento di gestione dei beni immobili comunali, a Bova Marina e Brancaleone e' stata disciplinata la raccolta dei rifiuti solidi urbani, a Canolo e' stato varato un nuovo regolamento per la concessione di contributi, sussidi, vantaggi economici e patrocini alle associazioni.

Tropea e l’assunzione di 8 vigili urbani

Nella relazione, inoltre, si rileva che «la commissione straordinaria del Comune di Tropea, mediante l'incremento delle sanzioni amministrative derivanti dalla violazione del Codice della strada, e riuscita ad assumere otto vigili urbani a tempo determinato per far fronte alle esigenze di incremento del servizio polizia municipale nel periodo estivo».

Riorganizzazione dell’apparato burocratico a Lamezia

Inoltre - prosegue il report - «molte delle commissioni - tra le quali quelle incaricate della gestione dei Comuni di Laureana di Borrello e di Isola di Capo Rizzuto - hanno disposto una riorganizzazione dell'apparato burocratico, tesa soprattutto a una migliore e più funzionale allocazione delle risorse umane disponibili», mentre «la commissione straordinaria del Comune di Lamezia Terme ha provveduto alla revoca di tutti gli atti di nomina dei rappresentanti comunali in seno alle società partecipate dall'ente».

Azioni a sostegno dei servizi scolastici

Inoltre l'attività della quasi totalità delle commissioni straordinarie si e concentrata sulla messa in atto di iniziative volte a migliorare l'informatizzazione nella gestione amministrativa, com'e' avvenuto a Bagnara, Bovalino, Bova Marina,  Brancaleone e Laureana di Borrello. E ancora - si legge nella relazione riportata sull'Agi - la maggior parte delle commissioni straordinarie ha attuato iniziative tese al miglioramento dei servizi scolastici, com'e' avvenuto sempre Bagnara Calabra, Bovalino, Bova Marina, Brancaleone, Laureana di Borrello e a Nardodipace. Molte iniziative hanno poi riguardato la materia ambientale, in particolare la gestione dei rifiuti, ritenuta molto "sensibile" alle infiltrazioni mafiose: la relazione del ministero dell'Interno segnala "l'iniziativa della commissione straordinaria del Comune di Petrona' che ha attivato un numero telefonico dedicato per le segnalazioni da parte dei cittadini su disfunzioni nei servizi di raccolta e pulizia delle strade", mentre       a Bovalino e Bagnara «si è proceduto all'avvio di una gara europea per l'affidamento del servizio di raccolta rifiuti per il tramite della Stazione unica appaltante (Sua) operante presso la Provincia di Reggio Calabria».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream