Carfagna verso Renzi? Nuovo incubo per Jole Santelli e i fratelli Occhiuto

Il possibile avvicinamento della vicepresidente della Camera all'ex premier per formare un nuovo movimento di centro rischia di far morire Forza Italia. In Calabria l'attuale coordinamento regionale non potrebbe seguire questo progetto e si potrebbe trovare fuori dal tavolo delle decisioni del centrodestra guidato da Salvini, Meloni e Toti

di Riccardo Tripepi
5 agosto 2019
20:00
33 condivisioni
Carfagna, Santelli e Occhiuto
Carfagna, Santelli e Occhiuto

Il piano di Silvio Berlusconi per salvare Forza Italia pare avere sortito l’effetto contrario. Non solo non ha evitato l’addio di Giovanni Toti, ma ha aperto un fronte nuovo di scontro con Mara Carfagna e un’altra possibile diaspora. L’eventuale addio della vicepresidente della Camera, per di più, sembrerebbe in grado di produrre ancora più danni all’interno del partito mettendone a rischio la stessa sopravvivenza.

La fuoriuscita del governatore della Liguria era già stata valutata come fatta e, comunque, in grado di essere contenuta nei suoi effetti. Adesso un eventuale doppio addio saprebbe di chiusura finale con i conseguenti ulteriori abbandoni.

 

In Calabria i totiani che si riconoscono nel gruppo di Tonino e Pino Gentile, che conta diversi consiglieri regionali come Baldo Esposito, Nazzareno Salerno (oltre allo stesso Pino Gentile), proseguono nella loro marcia di avvicinamento. Sono stati presenti alla convention di Toti al Brancaccio e adesso aspettano la visita sul territorio per rafforzare gli accordi e fare partire concretamente il movimento sul territorio. Tutti convinti anche delle alleanze finali che mirano a stringere i rapporti con la Lega di Matteo Salvini e FdI di Giorgia Meloni.

 

Chi non sa più che pesci prendere invece è il coordinamento regionale del partito. Jole Santelli e i fratelli Occhiuto rischiano di rimanere con il cerino in mano. Cerino che ha letteralmente bruciato la candidatura di Mario Occhiuto alle regionali. Con Toti fuori dal partito, i calabresi al timone di Forza Italia speravano di avere mano libera nel partito considerando anche la sponda di Mara Carfagna. Avevano già sposato la linea meridionalista della vicepresidente della Camera.

 

La sua rottura con Berlusconi adesso mette tutto in discussione. E se, come rumors sempre più insistenti affermano, la Carfagna sarebbe in dialogo con il gruppo che fa capo a Matteo Renzi e Maria Elena Boschi per andare a costituire una riedizione della vecchia Margherita, il patatrac sarebbe perfetto. Seguire la Carfagna in questo percorso sarebbe impossibile per i calabresi, ma restare in una FI morente avrebbe pochissimo senso. Anche perché con Salvini (che a breve sarà in Calabria per il suo tour estivi), Meloni e Toti andrebbero a prendersi tutto e a decidere, magari senza consultare l’ex alleato, anche le candidature alle regionali e alle comunali di Reggio Calabria.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio