L'assemblea del Pd rinvia la conta. Oliverio non si presenta, la Bossio vota con Renzi

Calabresi in ordine sparso. L'area del Governatore si divide, Falcomatà critico, Nicodemo Oliverio con Franceschini. Adesso la decisione sul congresso regionale che torna ad essere possibile

di Riccardo Tripepi
sabato 19 maggio 2018
20:04
1 condivisioni

Prove tecniche di implosione. L’Assemblea nazionale del Pd un obiettivo lo ha raggiunto: dimostrare che il partito è ancora più in difficoltà di quanto si potesse immaginare. Tanto che più di qualcuno comincia a pensare che i margini per riprendersi dalla batosta elettorale dello scorso 4 marzo siano sempre più risicati.

 

Anche Matteo Renzi ha fiutato l’aria è ha imposto tramite Orfini una mozione che ha stravolto l’ordine del giorno: niente più formalizzazione delle dimissioni del segretario e dibattito sul congresso, ma una discussione alla camomilla sull’attuale fase politica.

Abbastanza per fare imbufalire la gran parte dei mille delegati arrivati all’Ergife perché convinti di dover partecipare ad un’assemblea storica. La prova di forza va bene (391 a 222 e 6 astenuti), ma il risultato è deludente per gli stessi renziani: alla fine dell’Assemblea sono rimasti neanche 500 delegati. In tantissimi hanno abbandonato i lavori prima, convinti dell’inutilità della discussione.

 

Una confusione generale che spiazzato anche i calabresi. Il governatore Mario Oliverio non ha preso parte ai lavori, forse considerando più prudente non schierarsi, mentre i parlamentari hanno votato compatti con Renzi. Magorno, Viscomi e Bossio si muovono come un sol uomo e la diversificazione della posizione della coppia Adamo-Bossio rispetto a quella dell’area Oliverio pare un dato significativo. Scontati anche i sì di Minniti, Irto e Covello.

 

Il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà ha preso parte ai lavori, ma non aveva diritto di voto. Rimane di fondo il suo scetticismo espresso dai delegati a lui vicini che conferma l’ormai progressivo allontanamento da Matteo Renzi.

Spostamenti verso l’area Franceschini dei delegati di Nicodemo Oliverio che pure ha deciso di votare a favore della mozione Franceschini. Scontato il no dell’area orlandiana e di Carlo Guccione.

Una varietà di posizioni, insomma, che sia a livello nazionale che calabrese la dice lunga sul momento di grande difficoltà che vive il partito, sempre di più sull’orlo di una nuova scissione.

 

La scelta di rinviare la conta, inoltre, lascia scoperte le Regioni, compresa la Calabria che sono alle prese con i rinnovi delle segreterie regionali. Alla vigilia ci si aspettava la fissazione della data del congresso per l’autunno e il congelamento dell’assise calabrese fino a quella data. Adesso, invece, tutto è possibile. Il rinvio della discussione lascia aperta la finestra immaginata da Magorno, anche se i tempi tecnici fino al 23 giugno sarebbero davvero assai risicati. Ma il partito calabrese in questo momento e con le tensioni che si respirano a tutti i livelli sarebbe in grado di reggere un congresso con primarie?

 

Se ne capirà qualcosa in più nei prossimi giorni quando la Commissione per il congresso e la direzione del partito dovranno decidere definitivamente se fare slittare l’assise o avviare la macchina delle primarie. Affrontando la questione che nelle ultime settimane è magicamente sparita dall’agenda politica del Pd calabrese.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: