Appello dei giornalisti per lo stadio di Crotone, il sindaco: «Atto di senso civico»

Il primo cittadino promuove un tavolo tecnico per affrontare l’argomento. Pieno sostegno dalla deputata 5 stelle Barbuto

lunedì 6 agosto 2018
23:32
10 condivisioni

Ha suscitato non poche reazioni l’appello sottoscritto da oltre 40 giornalisti nella giornata odierna. Al centro, il rischio chiusura dello stadio Ezio Scida. A prendere la parola, il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese. «Oggi prendiamo atto di un fatto nuovo. La città – dice il primo cittadino - si ricompone e la coscienza comune si manifesta univoca su un evento che riguarda l’intera società civile. Avviene per mano di una categoria professionale che ha un ruolo specifico nella circostanza. E detiene potere, condividendo la conseguente responsabilità. A scrivere sono i giornalisti. E lo fanno all’unisono, con una Nota che porta in calce quarantuno firme. Un’analisi franca, non senza autocritica eppure priva di divagazioni di parte».

 

«Un atto di consapevolezza e senso civico. Un monito ed una richiesta. Un buon esempio. L’invito a tutti coloro i quali hanno ruolo istituzionale e potere politico ad affrontare senza divisioni la questione dello Stadio Ezio Scida, del nuovo impianto e del percorso che deve compiersi tra i due. La richiesta è netta e la mia Amministrazione la riceve immediatamente, per darvi seguito senza esitazioni. Condivido personalmente l’invocazione ad essere tutti responsabili, tutti e nessuno escluso. Oggi accolgo quel suggerimento e promuovo io stesso la riunione di un tavolo a cui mi aspetto che seggano tutti i soggetti che devono tutelare gli interessi delle donne e degli uomini di Crotone. Invito le parlamentari crotonesi neo-elette, Sen. Margherita Corrado ed On. Elisabetta Barbuto, la consigliera regionale, On. Flora Sculco, il soprintendente alle Belle Arti, Mario Pagano e qualsiasi altro rappresentante del Ministero, il presidente della FC Crotone srl, Gianni Vrenna, i rappresentanti del tifo crotonese ed i sostenitori storici della squadra di calcio, i rappresentanti del Consiglio Comunale. Io sarò presente con l’intera Giunta Comunale. La riunione sarà ospitata il 10 agosto 2018, alle 11:00 nella sala consiliare della Casa Comunale. E invito ad essere presenti tutti i 41 sottoscrittori della Nota cui rispondo. Potranno testimoniare di persona lo sforzo che mi auguro tutti compiranno per applicare alla soluzione della vicenda il buon senso e l’attenzione per gli interessi della collettività. E confido che la prossima volta potranno scrivere di come il problema è stato risolto».

«Ho sposato, insieme alla collega parlamentare (e soprattutto amica) Margherita Corrado, l'appello dei giornalisti sulla vicenda dello stadio del Crotone Calcio. Abbiamo scritto al Ministero affinché si trovi una soluzione a questo problema per un territorio già fortemente penalizzato sotto ogni aspetto e che era riuscito a trarre un po’ di sollievo proprio dall'avventura del Crotone calcio». Queste le parole della deputata del Movimento 5 Stelle Elisabetta Barbuto in merito alla questione stadio Ezio Scida di Crotone, dopo la pubblicazione di un documento stilato da 41 giornalisti pitagorici nella giornata di oggi.

«Vigileremo – ha aggiunto - affinché chi di dovere (l'amministrazione comunale) possa adempiere i propri impegni segnalando tempestivamente ulteriori e intollerabili omissioni e ritardi e restando in prima linea unitamente a tutti i cittadini, tifosi e non. Oggi come oggi, se le cose restassero così, gli unici a pagare sarebbero i cittadini crotonesi. Ed è per loro, per tutti noi, per la città che chiediamo al Ministro di rivedere la decisione e concedere una nuova deroga adeguata per procedere alla rimozione della tribuna "incriminata"».

 

Leggi anche: Stadio di Crotone a rischio, giornalisti lanciano l’appello: «La politica si muova»

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: