OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.

REGIONE | Oliverio, il rimpasto, le elezioni e il futuro

20 mesi dopo il test per le politiche, si voterà per l’elezione del Presidente della Regione. Tutto sembra remare contro Mario Oliverio. Le previsioni elettorali non lasciano intravedere nulla di buono. E sono tanti gli avvoltoi anche mediatici pronti ad accanirsi sulla carcassa del governo regionale se dovessero essere confermate le previsioni elettorali. Tuttavia Oliverio ha qualche chance per il futuro che potrebbe ribaltare nuovamente il quadro politico: rimpasto e spesa comunitaria

di Pasquale Motta
martedì 23 gennaio 2018
10:47
Condividi

Si può dire che ormai siamo a poche ore dalla presentazione delle liste. Sia nel cdx che nel cds, sul fronte delle candidature, ancora ci sono poche certezze. Il M5S, invece, sembra che abbia schierato tutti gli uscenti. La battaglia dunque sarà dura e all’ultimo voto soprattutto nei collegi, considerato il metodo dell’uninominale secco. Le elezioni sono anche uno snodo fondamentale per gli assetti futuri della Regione Calabria.

 

20 mesi dopo il test per le politiche, infatti, si voterà per l’elezione del Presidente della Regione. Tutto sembra remare contro Mario Oliverio. Le previsioni elettorali non lasciano intravedere nulla di buono. E sono tanti gli avvoltoi anche mediatici pronti ad accanirsi sulla carcassa del governo regionale se dovessero essere confermate le previsioni elettorali. La situazione del Pd sul fronte nazionale, d’altronde, non promette niente di buono. A Roma, nel PD, sono molto di più i nemici che gli amici dell’esperienza di governo regionale calabrese. Mario Oliverio, tra l’altro, si lascia alle spalle 40 mesi di governo non proprio esaltante e, più volte, noi lo abbiamo fatto rilevare. Il contesto, dunque, potrebbe essere grasso che cola per il centrodestra, il quale, allo stato, sembra avere il vento in poppa e sembra lanciato verso la conquista della Regione attraverso il suo uomo forte: Mario Occhiuto.


Tuttavia siamo in un epoca nella quale le dinamiche politiche cambiano velocemente. 13 mesi fa l’uomo forte del paese sembrava Matteo Renzi, lanciato come un treno verso la riconferma a Palazzo Chigi, poi, l’inciampo sul referendum che ha mutato radicalmente il quadro politico e, 13 mesi dopo, a Palazzo Chigi c’è un altro inquilino, il quale non sembra affatto che abbia voglia di cedere il passo. Inoltre c’è anche una nuova legge elettorale che, pur portando il nome del capogruppo del PD, sembra favorire prevalentemente solo il centrodestra. Paradossi della politica.

 

Mario Oliverio dunque, in 20 mesi, nonostante le elezioni politiche, e nonostante il grigiore della Giunta Tecnica, potrebbe ribaltare tutto il contesto politico e mutare nuovamente il quadro. Dipenderà dalle mosse che riuscirà a mettere in atto a partire dai prossimi giorni. Proviamo ad ipotizzarne un paio. Innanzitutto definendo il rimpasto, il quale dovrà essere radicale. Nella Giunta Regionale si sono formati grumi di opposizione politica allo stesso Oliverio che, dapprima hanno lavorato in maniera occulta e che, oggi, invece, giorno dopo giorno, si vanno appalesando. Una contraddizione che ha appannato e non di poco l’azione della Giunta Regionale. Grumi di potere nel potere, i quali hanno lavorato in sintonia con pezzi di potere mediatico radicalmente ostili al Governo Oliverio. Con l’obiettivo di logorarne l’azione. La seconda possibilità di Oliverio per invertire la rotta è la spesa dei fondi comunitari programmati. Abbiamo avuto modo di sottolineare nel passato che, se l’azione quotidiana della Giunta Regionale ha lasciato a desiderare, quella della programmazione della spesa, invece, è stata sempre svolta ad altissimi livelli. Se nei prossimi mesi le risorse del Governo e dell’Europa cominceranno ad essere spese, i segnali si avvertiranno subito (stiamo parlando di 9 miliardi di euro). Tutto ciò sarà possibile se ci sarà una Giunta Regionale, efficiente, sensibile alle istanze dei territori ma, soprattutto, in sintonia con il progetto politico del Presidente.


Se Oliverio, al di là del risultato elettorale delle politiche, riuscirà a mettere in campo una impostazione del genere per i prossimi mesi di Governo, potrebbe invertire nuovamente la direzione del “vento”. E comunque, potrebbe salvaguardare il patrimonio politico e istituzionale del quale è espressione.

 

I primi segnali di questa inversione di rotta si potrebbero vedere già all’indomani della presentazione delle liste, anzi, tatticamente potrebbe rivelarsi una buona mossa anche sul piano elettorale. Mario Oliverio, sostanzialmente, dovrà dare plasticamente il segnale della costruzione di una nuova squadra che, in un progetto di lealtà politica lavori per recuperare immagine, consenso, credibilità ad una esperienza di governo che si è logorata giorno dopo giorno. La sfida è aperta. Saprà coglierla il Presidente della Regione? Lo verificheremo nei prossimi giorni.


Pasquale Motta

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Pasquale Motta
Giornalista
A questa noiosa e ipocrita lagna del clero, sulla famiglia, rispondo con una citazione di Ronald David Laing, un noto psichiatra inglese:”La famiglia si può immaginare come una ragnatela, un fiore, una tomba, una prigione, un castello.” Da dirigente comunista e diessino, sono stato un fedele soldato del Politìchesckij Bjurò ora da democratico, nell’era del “pensiero leggero”, sono un anarchico, controcorrente e provocatore. Mi stanno sulle balle,  i pomposi intellettuali post-comunisti, peggio se, con la puzza sotto il naso. Sono freddo e passionale, rosso e nero. Non mi fido delle tonache; nere, rosse, giudiziarie o clericali. Bigotti, puritani e moralisti li darei volentieri in pasto al “gorilla” di De Andrè, ai razzisti  farei fare un’esperienza in quei campi con la scritta: “il lavoro rende liberi”. Presuntuoso? Può darsi! Rompicoglioni! Certo! Se parlo, conosco, se non conosco, sto zitto! Per dirla come  Theodor W. Adorno:  “La libertà non sta nello scegliere tra bianco e nero, ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta. Amo questa frase di Vittorio Foa: “il sogno può accompaganre la vita ma non deve determinarla. Quando scegli non devi sognare, tu sei responsabile”. Caratterialmente mi si addice questa citazione frase di  Winston Leonard Spencer Churchill: “Combatteremo sulle spiagge, combatteremo sui luoghi di sbarco, nei campii nelle strade e nelle montagne. Non ci arrende­remo mai…”

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: