«Vostra madre è morta. Anzi no», funerale annullato per 80enne

La singolare vicenda a Uri, nel Sassarese. La famiglia aveva anche firmato per l’espianto degli organi. L’anziana non era deceduta ma in Rianimazione

mercoledì 14 novembre 2018
15:53
10 condivisioni

I familiari organizzano il funerali, ma l’anziana mamma è ancora viva. La singolare vicenda viene da Uri, piccolo centro nel Sassarese, in cui la donna vive. Tanto che, all’annuncio, le campane avevano suonato a morte. I congiunti, ormai rassegnati, si erano già accordati col parroco per celebrare il funerale. Tutto pronto: bara acquistata e trafila burocratica conclusa per il loculo. Solo che l’ 80enne non è deceduta: è in condizioni gravi, ricoverata nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Santissima Annunziata di Sassari, ma ancora lotta e la sua prognosi è riservata.

Lunedì mattina la figlia l'ha trovata nel bagno di casa, riversa a terra, in stato di semi-incoscienza, colpita da un ictus. L'anziana – riferisce l’ansa - è stata trasportata in ospedale a bordo di un'ambulanza dell'associazione di volontariato e ricoverata in terapia d'urgenza (foto di repertorio). Qualche ora dopo i parenti sono tornati in ospedale per sapere le sue condizioni: «È morta cerebralmente, ormai non c'è più nulla da fare - avrebbe detto loro un medico del reparto - Se volete potete firmare l'autorizzazione all'espianto degli organi» sarebbe stato il suggerimento.

Addolorati, hanno firmato e hanno acconsentito all'espianto delle cornee. Rientrati in paese, si sono dedicati ai preparativi per il funerale della congiunta. Ma ieri mattina, tornati in ospedale, hanno scoperto che la vecchina è ancora viva: trasferita in Rianimazione, dove si trova tutt'ora, grave ma ancora viva. 
   

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: