Morte dj Fabo, al via l’udienza in Corte costituzionale per Marco Cappato

Il leader dell’associazione “Luca Coscioni” è finito sotto processo con l’accusa di aver aiutato il giovane a morire in Svizzera con il “suicidio assistito”. Oggi potrebbe già arrivare la decisione

martedì 23 ottobre 2018
10:47
10 condivisioni
Marco Cappato
Marco Cappato

Si è aperta in Corte costituzionale l'udienza sull'aiuto al suicidio e il caso di Marco Cappato, leader dell'associazione "Luca Coscioni" che accompagnò in Svizzera dj Fabo. Tetraplegico, cieco e non più autosufficiente dopo un incidente, quest'ultimo aveva manifestato la volontà di ricorrere a un suicidio assistito. A seguito di questa vicenda, Cappato è finito sotto processo di fronte alla corte d'Assise di Milano, che però a febbraio ha inviato gli atti alla Consulta perché valuti la legittimità dell'art. 580 del codice penale su istigazione e aiuto al suicidio. Franco Modugno è il giudice costituzionale relatore. Tra gli avvocati di Cappato, Filomena Gallo, segretario della "Coscioni".

Il governo si è costituito a difesa della legge e sarà rappresentato dall'avvocato dello Stato Gabriella Palmieri. In udienza sono presenti lo stesso Cappato, Mina Welby e la compagna di dj Fabo, Valeria Imbrogno. La causa era la terza a ruolo, ma è stata anticipata come prima della giornata, il che potrebbe indicare una volontà di esaminarla subito questo pomeriggio in camera di consiglio e pervenire già oggi a una decisione.

Ora la palla passa ai giudici costituzionali. La questione è di quelle che dividono e il quadro è aperto. A esporre la causa sarà il relatore Franco Modugno. La parola passerà quindi a Filomena Gallo, Vittorio Manes e gli altri legali che rappresentano Cappato, che sarà in udienza: a loro il compito di sostenere il diritto ad autodeterminarsi. Poi sarà la volta dell'avvocato dello Stato Gabriella Palmieri, che punterà sulla riserva di legge in materia penale e sul rischio che una dichiarazione di illegittimità costituzionale produca un vuoto normativo a danno dei soggetti più deboli, dai malati con gravi patologie alle vittime degli haters sui social.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: