Il “maratoneta del Papa” fuori dal Cara: «Dovrò ripartire da zero»

Ansou Cissè è un ragazzo senegalese di 19 anni che corre nell'Altletica vaticana. Ha impiegato due anni per integrarsi nel centro di accoglienza di Castelnuovo del Porto ed oggi, dopo tanta fatica, è costretto ad abbandonarlo 

di Paula Scalamogna
24 gennaio 2019
11:11
4 condivisioni
Maratoneta
Maratoneta

Ansou Cissè, il “maratoneta del Papa” è un ragazzo senegalese di 19 anni, arrivato in Italia il 21 marzo 2017. È giunto a Roma, dopo una lunga peripezia, affrontando il deserto, il terrore libico e una traversata sul barcone. Ci aveva messo ben due anni per integrarsi e vivere una nuova vita al Cara di Castelnuovo del Porto (un comune della capitale). Ha imparato l’italiano ed ha coltivato la passione per lo sport, infatti non molto tempo fa gli è arrivata una convocazione inattesa, vista la sua bravura, che lo ha fatto entrare nell’Athletica vaticana, il team agonistico che rappresenta la Santa Sede nelle gare internazionali. Ma il sogno di Ansoù sembra sia destinato a spegnersi.

 

 

«Un giorno mi è stato detto – afferma il ragazzo – che devo abbandonare il Cara e tutti gli amici che ho lì. È come se mi avessero detto che la mia vita debba ripartire da capo, da zero». Con tanto dispiacere il “maratoneta del Papa” ha spiegato: «Al Cara ho avuto la fortuna di essere integrato, andando a scuola e di facendo parte di una squadra di calcio. Il Papa parla di pace e amore ed è così che dovrebbe essere il mondo. Correre nella sua squadra è una cosa bellissima: almeno nello sport non ci sono differenze di colore, di cultura e di fede».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio