Libero accesso alla facoltà di Medicina. Anzi no

Palazzo Chigi, dopo il comunicato inviato dal governo, costretto a correggere il tiro: «Prima confronto con i ministeri competenti e la Crui, quindi percorso graduale di aumento dei posti disponibili»

mercoledì 17 ottobre 2018
17:55
2 condivisioni

Dietro front sull’abolizione del numero chiuso per l'accesso alla facoltà di Medicina. La misura è inserita nel comunicato stampa che il governo ha diffuso al termine del Cdm della giornata di ieri ma c'è un giallo. Nel comunicato diramato ieri da Palazzo Chigi si legge testualmente «si abolisce il numero chiuso nelle Facoltà di Medicina, permettendo così a tutti di poter accedere agli studi».

 

Una notizia, però, smentita dal ministero dell'Istruzione. Lo stesso ministro Marco Bussetti aveva commentato così: «Voglio essere sincero, a me non risulta» spiegando che «sarà un percorso graduale di allargamento del numero di ammessi alla facoltà». Poi in una nota congiunta con il ministro della Salute, Giulia Grillo, il titolare dell'Istruzione chiarisce che è stato «chiesto, in sede di Consiglio dei ministri, di aumentare sia gli accessi sia i contratti delle borse di studio per Medicina». Infine la precisazione di Palazzo Chigi: «Si tratta di un obiettivo politico di medio periodo per il quale si avvierà un confronto tecnico con i ministeri competenti e la Crui, che potrà prevedere un percorso graduale di aumento dei posti disponibili, fino al superamento del numero chiuso».  In sintesi il test di Medicina sarà abolito ma non nell'immediato.

 

LEGGI ANCHE: Abolito il numero chiuso a Medicina

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: