Bimba di 22 mesi picchiata dal patrigno, è grave

«E' stato un raptus. Non volevo...»: si è giustificato così il 24enne arrestato per tentato omicidio. La piccola si trova ricoverata in terapia intensiva

venerdì 15 febbraio 2019
11:42
309 condivisioni

È in pericolo di vita la bambina di 22 mesi picchiata dal compagno della madre in un'abitazione di Genzano, alle porte di Roma. La bimba è ricoverata in prognosi riservata in terapia intensiva all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. La piccola avrebbe riportato un ematoma cerebrale. Con lei c'era la madre che ha riferito alla polizia che la bimba era stata picchiata dal suo compagno.  L'uomo, un 24enne italiano, è stato arrestato per tentato omicidio.

 

«E' stato un raptus. Non volevo...». Si sarebbe giustificato così il 24enne arrestato. A quanto ricostruito l'uomo era da solo in casa con in quattro figli della donna, tra cui la bimba e la sua gemellina, quando si è scagliato contro la bambina. Oltre a ecchimosi e graffi sul volto la piccola avrebbe anche segni di morsi. La coppia sembra convivesse da due mesi e già in passato la bambina avesse subito percosse. Quando la madre è rientrata a casa e ha visto la figlia in gravi condizioni l'ha presa e l'ha portata fin davanti al cancello all'ospedale di Genzano, attualmente chiuso. La vigilanza ha dato l'allarme e la bambina è stata portata all'ospedale dei Castelli da cui poi è stata trasferita al Bambino Gesù.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: