I genitori di Renzi ai domiciliari per bancarotta fraudolenta

Le ipotesi di reato contestate riguardano anche l'emissione di fatture per operazioni inesistenti. Salvini«Niente da festeggiare». L'ex premier: «Provvedimento assurdo e sproporzionato»

di Redazione
lunedì 18 febbraio 2019
21:04
351 condivisioni

Arresti domiciliari per i genitori di Matteo Renzi. Nei confronti dei due, e di un terzo soggetto, viene contestata l'emissione di fatture inesistenti. Le misure sono state emesse dal gip di Firenze per bancarotta fraudolenta e per emissione e utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti. Il provvedimento, eseguito dalla Guardia di Finanza, riguarda anche una terza persona, un imprenditore di Campo Ligure (Genova). I tre, secondo quanto si apprende, sono stati nel tempo amministratori di fatto di tre società cooperative, due delle quali dichiarate fallite. Le ipotesi di reato contestate riguardano da un lato l'emissione, tra il 2013 e il 2018, di fatture per operazioni inesistenti all'interno di una delle società e, dall'altro, un'ipotesi di bancarotta fraudolenta che sarebbe stata commessa per le due altre società cooperative tra il 2010 e il 2013. 

Sulla vicenda interviene il ministro dell'interno Matteo Salvini. L'arresto dei genitori di Renzi? «Niente da festeggiare». 
«Se concordate, eviterei commenti su Renzi, non c'è da gioire». E' quanto avrebbe detto il capo politico del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio, durante l'assemblea dei gruppi parlamentari M5s in corso alla Camera. 

Il legale: «Mai vista una cosa del genere»

«Mai vista una cosa del genere: arresti domiciliari a due persone prossime ai 70 anni per fatti asseritamente commessi al piu tardi nel 2012. Ci riserviamo ogni valutazione sul merito alla lettura completa delle carte». Così il legale dei Renzi, Federico Bagattini, sulla misura eseguita nei confronti di Tiziano Renzi e Laura Bovoli, i genitori di Matteo Renzi. 

Renzi: «Ho fiducia nella giustizia»

«Ho molta fiducia nella giustizia italiana, tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge» è il primo commento dell'ex premier. «Dunque sono impaziente di assistere al processo. Perché chi ha letto le carte mi garantisce di non aver mai visto un provvedimento così assurdo e sproporzionato». Lo scrive su Facebook Matteo Renzi commentando i domiciliari dati ai propri genitori.

Matteo Renzi era atteso a Torino alla presentazione del suo libro 'Un'altra strada. Idee per l'Italia di domani'. L'ex premier Matteo Renzi avrebbe dovuto presentare il suo volume, edito da Marsilio, in  un incontro in programma questa sera alle 21. A comunicare ai  giornalisti l'annullamento dell'incontro, dopo che si è diffusa  la notizia degli arresti domiciliari dei genitori, sono stati  gli organizzatori. Secondo quanto trapelato, l'ex premier avrebbe appreso dell'arresto quando si trovava già alle porte di Torino e avrebbe quindi deciso di fare marcia indietro.

Intanto domani  terrà una conferenza stampa alle 16 in Senato. 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: