Cambia la preghiera del “Padre Nostro” e l'inizio del “Gloria”

I testi della nuova edizione del Messale Romano saranno sottoposti alla Santa Sede per i provvedimenti di competenza, ottenuti i quali andranno in vigore le nuove versioni

di Redazione
giovedì 15 novembre 2018
13:53
153 condivisioni
Papa Francesco
Papa Francesco

Da "non indurci in tentazione" a "non abbandonarci alla tentazione". Oggi, 15 novembre, è partita la proposta per il cambiamento della preghiera del Padre Nostro. Il testo della nuova edizione del Messale Romano sarà sottoposto alla Santa Sede per i provvedimenti di competenza, ottenuti i quali andrà in vigore la nuova versione del Padre Nostro. Cambierà anche l'inizio del Gloria in "pace in terra agli uomini amati dal Signore". A comunicarlo è stata la Conferenza episcopale italiana.

 

Il cambiamento del testo era stato auspicato dal Papa. Tanto che la nuova traduzione della Bibbia Cei e il Lezionario l'avevano già recepito, ma ancora mancava il via libera per quanto riguarda l’uso liturgico nel Messale.In favore del cambio si erano espresse in passato anche due personalità di rilievo e di sensibilità differenti della Chiesa, ovvero i cardinali Carlo Maria Martini e Giacomo Biffi.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: