«Tu sali davanti o non entri nel taxi»: il sindacalista Soumahoro vittima di razzismo

L'attivista origine ivoriana e voce dei braccianti contro il caporalato nei campi ha denunciato l’episodio su Twitter

 

di Redazione
10 ottobre 2019
12:18
9 condivisioni
Aboubakar Soumahoro
Aboubakar Soumahoro

Aboubakar Soumahoro, sindacalista di origine ivoriana e voce dei braccianti contro il caporalato nei campi, ha denunciato su Twitter di essere stato offeso da un tassista romano. «Tu sali davanti o non entri nel mio taxi - scrive Soumahro in un tweet -, mi ha detto questa mattina (ieri, ndr.) a Roma un'autista».

«Pochi minuti dopo» spiega nel post l'attivista sociale ricevuto lo scorso anno dal presidente della Regione Calabria Mario Oliverio in merito alla situazione dei braccianti di San Ferdinando e più in generale sui temi legati al caporalato, «ha fatto accomodare sui sedili posteriori due passeggeri. Questa ingiustizia va denunciata: non rappresenta migliaia di tassisti che lavorano con fatica e professionalità».

Immediata la solidarietà sul social. Decine e decine di utenti hanno invitato il sindacalista a denunciare l'episodio alle autorità e all'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali. Tra i commenti solidali ricevuti da Soumahoro, anche quello di Massimo, tassista romano come l'uomo che ha offeso il sindacalista: «Sono un tassista di Roma - scrive - grazie per non aver fatto generalizzazioni.. uomo saggio. Nel mio taxi sarai il benvenuto sempre, tu come il resto dei cittadini del mondo».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio