Scuole non a norma, a rischio 300mila studenti: «I presidi non aprano gli istituti»

Il Codacons si rivolge ai dirigenti scolastici calabresi: «Denunciate alle autorità qualsiasi violazione delle regole di sicurezza»

lunedì 27 agosto 2018
16:56
46 condivisioni

La sicurezza delle scuole torna tra i temi all’ordine del giorno del Codacons. Così, dopo il silenzio di comuni e province, il coordinamento delle associazioni si rivolge ai dirigenti scolastici, in qualità di responsabili della sicurezza dei ragazzi e degli insegnanti: «I presidi, incaricati di garantire la sicurezza degli studenti e del personale di servizio, devono monitorare la sicurezza delle scuole - sia all'interno che all'esterno - e denunciare alle autorità preposte qualsiasi violazione delle regole di sicurezza, fino a rifiutarsi - se strettamente necessario - di aprire gli edifici scolastici per assicurare la massima tutela a studenti e docenti». Così riporta una nota stampa del sodalizio.

Sul sito dell'associazione, segnalano, è disponibile un questionario per procedere al monitoraggio di sicurezza dei plessi scolastici: «Lamentarsi non basta, bisogna passare ai fatti» sottolinea Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale Codacons. «In Calabria trecentomila studenti ogni giorno sono a rischio, perché l'edificio scolastico in cui trascorrono gran parte della giornata non è a norma: una situazione gravissima, cui i presidi devono rispondere rifiutandosi se necessario di aprire gli istituti, come impone il loro ruolo di tutela» conclude.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: