Perciaccante (Ance Cosenza): «La Provincia non paga, a rischio 500 posti di lavoro»

La denuncia del presidente dell'Associazione nazionale costruttori edili: «Le aziende vantano crediti per 15 milioni di euro». Problema scaturito dalla mancata erogazione dei fondi statali

di Salvatore Bruno
mercoledì 12 settembre 2018
15:42
3 condivisioni

Il settore edilizio e delle costruzioni si regge in buona parte grazie alle committenze pubbliche, ma quando gli enti chiudono i rubinetti per mancanza di liquidità, le aziende entrano in crisi ed il sistema si inceppa, rischiando di mandare gambe all’aria il già fragile tessuto imprenditoriale e di lasciare a casa decine di lavoratori.

Il caso della Provincia di Cosenza

In queste ore il presidente di Ance Cosenza, Giovan Battista Perciaccante, ha denunciato la mole di crediti vantati da numerose aziende locali per lavori pubblici eseguiti per conto della Provincia. Non si tratta di bruscolini ma di somme pari a circa 15 milioni di euro. «Una situazione drammatica – afferma Perciaccante - Queste aziende sono costrette a forti tensioni espositive nei confronti del sistema bancario con conseguenze facilmente immaginabili. Eppure hanno regolarmente realizzato opere fondamentali per la collettività e per il miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Molte imprese si vedranno costrette ad effettuare tagli occupazionali significativi, stimati al momento in circa 500 unità lavorative, con un concreto rischio di un fermo totale delle attività».

Mancati trasferimenti dal governo centrale

L’incaglio scaturisce dai ritardi con cui il governo centrale, sta provvedendo ad erogare le somme del fondo sperimentale di riequilibrio, destinato alle province. Per Cosenza la cifra contenuta nel decreto dello scorso 10 agosto, appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, è pari a 14.503.584,80. Esaurita la fase dello stanziamento, bisognerà adesso attendere i tempi necessari a rendere le risorse disponibili. Nei prossimi giorni Perciaccante, che ha posto all’attenzione delle istituzioni anche la drastica contrazione del numero delle gare pubbliche e degli importi posti a base d’asta, incontrerà il presidente della Provincia Franco Iacucci, per trovare una soluzione al problema.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: