OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.

Migranti: «Dei 35 euro al giorno solo 2,50 vanno a ospiti del Cas»

I dati emersi dal rapporto sui Centri accoglienza straordinaria. Il presidente di In migrazione ha passato al setaccio i bandi delle Prefetture per apertura e gestione delle strutture per valutare i costi

di Redazione
martedì 10 luglio 2018
11:13
5 condivisioni

Il vero risparmio sull'accoglienza straordinaria «si fa migliorando l'accoglienza straordinaria e non abbassando il pro die pro capite dei famosi 35 euro per finanziare i Centri. Un importo troppo basso non può che abbassare il livello qualitativo, per effetto del necessario taglio dei servizi per l'integrazione e porterebbe a stimolare ancora una volta strutture di grandi dimensioni, che in virtu' delle economie di scala possono arrivare ad una sostenibilità economica».

 

E «contrariamente a ciò che ancora troppo spesso si crede«, dei 35 euro pro die pro capite medio per l'accoglienza straordinaria dei richiedenti asilo, soltanto 2,50 vanno direttamente alle persone accolte (che comunque spendono sul territorio per soddisfare le prime basilari necessità). Il restante, ovvero oltre il 92% del finanziamento, viene usato dal privato che gestisce i Centri di Accoglienza Straordinaria. Fondi pubblici che vengono spesi per l'accoglienza che, se di qualità, ritornano alla comunità ospitante». Lo sostiene Simone Andreotti, presidente di In Migrazione che ha condotto il primo rapporto sui Centri di Accoglienza Straordinaria attivati dalle Prefetture sul territorio nazionale, ricerca presentata oggi in un convegno al Centro Congressi Cavour, a Roma. In Migrazione ha "passato al setaccio" tutti i bandi che le Prefetture hanno pubblicato per l'apertura e la gestione Cas.

E' invece da "abbandonare e definitivamente" i 35 euro di pro die pro capite se quell'intervento è inteso come finanziamento per l'apertura e la gestione dei Centri di accoglienza, così da «scoraggiare e rendere non più economicamente conveniente l'apertura di strutture di grandi dimensioni». In altre parole è necessario prevedere pro die pro capite diversificati a seconda delle dimensioni del centro di accoglienza: se ci si propone di aprire una struttura più grande, il finanziamento deve essere inferiore ai 35 euro; se ci si propone di aprire un progetto d'accoglienza diffusa in appartamenti, deve essere superiore. Quando si spendono fondi pubblici «bisognerebbe porre la massima attenzione alla qualita' dei servizi erogati e al ridurre gli sprechi"» viene sottolineato. Complessivamente per il 2018 sono stati impegnati nei bandi per l'apertura e la gestione dei CAS fondi pubblici per oltre 2 miliardi di euro. Una cifra importante ma - dicono i ricercatori - non eccessiva, se si tiene conto che in Italia solo nel 2017 il contrasto all'evasione fiscale ha permesso il recupero di piu' di 20 miliardi di euro. Il rapporto di In Migrazione riporta anche un esempio sulle diverse voci che compongono i 35 euro pro die pro capite, partendo dal bando di gara indetto dalla prefettura di Vibo Valentia: 15 euro sono spesi per il costo del personae; 11,27 per la fornitura pasti; 39 centesimi i costi giornalieri a testa per pulizia e igiene ambientale; 4,14 euro per fornitura beni (vestiario, effetti letterecci e via dicendo), di cui 2,50 euro sono pocket money; infine 4,2 euro per la voce 'altro'. Ad ogni voce corrisponde una stima importo annuale nazionale fatta da In Migrazione: quindi 976 milioni 400mila 550 euro per il personale; 733 milioni 602mila 280 euro per la fornitura pasti; 25 milioni 386mila 414 euro per la pulizia e l'igiene ambientale; 269 milioni 486mila 552 euro per fornitura beni (pocket money compreso) e 273 milioni 392mila 154 euro per la voce 'altro'.

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: