Infrastrutture nel Crotonese: le strategie per uscire dall'isolamento

Il Partito democratico di Cutro ha organizzato un incontro per affrontare il tema della mobilità, dalla strada statale 106, alla ferrovia, fino all'aeroporto di Crotone

di Giuseppe Laratta
venerdì 13 luglio 2018
13:16
3 condivisioni

Infrastrutture e trasporti: come la provincia esce dall'isolamento. Questo il titolo dell'incontro organizzato dal Partito Democratico di Cutro, nel crotonese, per fare il punto sulla mobilità territoriale. Presenti a relazionare, tra i vari, il presidente della Regione Mario Oliverio, l'assessore regionale ai Trasporti Roberto Musmanno, e il segretario del circolo dem cutrese Domenico Voce. Per quanto riguarda le strade, grande rilevanza è stata data alla proposta di progetto della variante del megalotto 6 della strada statale 106, promosso dal Comitato Crotone Nuova 106 Adesso, che collegherebbe Crotone e Catanzaro in circa trenta minuti, dallo svincolo di Passovecchio a quello di Marcedusa, e che vedrebbe la comunità cutrese molto favorita visto la vicinanza del tragitto. «Cutro sarebbe il comune più avvantaggiato – ha dichiarato l'ingegnere Antonio Bevilacqua, creatore del progetto della variante – perchè lo svincolo al bivio Lenza sarebbe distante in linea d'aria dal centro abitato 805 metri, in una zona dove il dislivello non è accentuato come nelle zone vigne. Dunque, in un paio di minuti si arriverebbe sulla strada provinciale sotto il timpone Patia, collegato allo svincolo Lenza della variante».

 

Convinto di questo progetto anche il segretario Voce: «con uno svincolo di un kilometro, noi saremmo in grado di prendere una quattro corsie veloce, che ci permetterebbe di arrivare in mezz'ora a Lamezia e in venti minuti a Catanzaro. Non vedo questo allarmismo da parte di altri politici: da tecnico sostengo che Cutro sarebbe il paese più avvantaggiato (nel progetto della variante n.d.r.)». «Stiamo investendo in direzione dell'ammodernamento infrastrutturale sul corridoio jonico – ha dichiarato il governatore Oliverio – stiamo realizzando investimenti importanti, la nuova ferrovia jonica, a giorni inizierà anche l'intervento di elettrificazione dopo quello di ammodernamento dell'armamento del binario, saranno aboliti anche i passaggi a livello, realizzeremo nell'arco dei prossimi due-tre anni una metropolitana di superficie perchè questa ferrovia – per come si era ridotta – è assolutamente inadeguata. In più stiamo lavorando sull'ammodernamento della 106 jonica: ci è stato prospettata, e noi abbiamo assunto, una ipotesi importante di variante da Passovecchio fino a Simeri, per la quale Anas ha accolto la proposta di fare uno studio di fattibilità; c'è stato un incontro a Roma dove poi è stata decisa la costituzione di un gruppo di lavoro che si sta mettendo all'opera proprio sullo studio di fattibilità, e che entro l'autunno ci darà i risultati, sia per quanto riguarda il tracciato, sia dal punto di vista della sostenibilità economica».

Un punto molto importante della mobilità del crotonese è l'aeroporto Pitagora che nel primo mese di voli ha totalizzato ottimi numeri di flusso passeggeri; però, lo scalo di località Sant'Anna da fine agosto e fine ottobre rimarrà “orfano” per ora dei voli Ryanair per Pisa e Bergamo. «Stiamo lavorando affinchè il collegamento sia garantito tutto l'anno – ha dichiarato Oliverio in merito – abbiamo lavorato affinchè riprendessero i voli, abbiamo messo l'aeroporto nelle condizioni di poter avere collegamenti stabili, e in questa direzione lavoreremo e impegneremo le nostre energie». Dubitoso su questa situazione è il Comitato Cittadino Aeroporto di Crotone, presente all'incontro cutrese: «l'aeroporto non deve chiudere – ha dichiarato ai nostri microfoni Franco Turano del comitato – deve volare tutti i giorni dell'anno. Abbiamo annunciato una manifestazione per il 31 agosto perchè, fino a oggi, i voli per Pisa verranno sospesi, quindi non vedo perchè non dovremmo manifestare. Anzi, magari venisse fuori una bella notizia prima di quella data».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Giuseppe Laratta
Giornalista
Giornalista pubblicista dal 2015, inizia a muovere i primi passi a 16 anni approdando a Radio Studio 97, emittente radiofonica a copertura provinciale, in qualità di regista, speaker e dj, con una collaborazione durata dal 2004 al 2017. Nel 2011, grazie a un tirocinio universitario, inizia un percorso con l'Arteria Music Label, etichetta discografica indipendente di Bologna, dove cura la parte social, i contatti con gli artisti, e la redazione di articoli promozionali delle produzioni musicali. Nel gennaio del 2013, dopo la parentesi universitaria, rientra nella sua Crotone dove intraprende l'attività giornalistica a Esperia Tv, emittente televisiva a copertura regionale, per due anni, nei quali ottiene il patentino di giornalista pubblicista, iscrivendosi all'apposito albo nel luglio del 2015. Nel 2016 cura i rapporti con la stampa per il candidato e futuro sindaco pitagorico Ugo Pugliese; nello stesso anno inizia a collaborare con le testate locali CrotoneOk e il Rossoblu – conclusa a dicembre 2017 – e con Il Quotidiano del Sud, che continua ancora. Nel gennaio 2018 entra a far parte della redazione di LaC News 24 come corrispondente da Crotone e provincia. Ha una grande passione per la musica, la lettura, e suona il pianoforte dall'età di 14 anni.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: