Catanzaro, Fondazione Betania: dipendenti sul piede di guerra

Una rappresentanza della clinica privata ha inscenato un sit in di protesta dinnanzi ai cancelli della struttura sanitaria per i ritardati pagamenti. Da quattro mesi non ricevono lo stipendio

di Luana  Costa
martedì 17 luglio 2018
12:40
216 condivisioni

Famiglie sul lastrico, cartina di tornasole di un intero comparto che da mesi annaspa tra tira e molla burocratici e sentenze amministrative che ancora non hanno disegnato un quadro di competenze ben specifiche per le cliniche operanti nel settore del socio-assistenziale. Questa mattina una rappresentanza di lavoratori di Fondazione Betania ha inscenato un sit in di protesta dinnanzi ai cancelli della struttura sanitaria. La ragione sono i ritardi accumulati sugli stipendi, che hanno raggiunto i quattro mesi, ma sullo sfondo rimangono le incognite relative alle assegnazioni dei budget e le competenze di settore che la recente sentenza del Consiglio di Stato ha ritrasferito ai Comuni, dopo che la Regione ne aveva sancito il passaggio alle amministrazioni comunali.

 

Tra l'incudine e il martello, i circa 400 dipendenti della Fondazione, ma non solo, che vivono situazioni di disagio economico dovute ai ritardati pagamenti delle spettanze e che si ripercuotono a catena anche sulle famiglie.

 

Luana Costa

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: