Esportazioni, boom della Calabria: +34% nel primo trimestre del 2018

La regione guida la speciale classifica distaccando di 15 punti la Valle d’Aosta. Un dato che si traduce in 139 milioni euro

mercoledì 13 giugno 2018
19:26
35 condivisioni

Ieri, 12 giugno 2018, l’Istat ha pubblicato i dati delle esportazioni italiane relative al primo trimestre 2018. Se si fa riferimento all’ultimo trimestre del 2017, le esportazioni diminuiscono in tutte le aree del paese: la riduzione è pari a -4-4% per le regioni meridionali, -4,6% per il Nord-est, -1,8% per il Centro e -0,3% per il Nord-ovest.


Tuttavia, il confronto più utile è quello con il primo trimestre del 2017. Depurando, quindi, i dati dall’effetto congiunturale, l’Istat calcola che la crescita tendenziale delle esportazioni italiane è pari al 3,3% ed è molto elevata nel Nord-ovest (+5,3%), nel Nord-est (+4,0%), e nel Mezzogiorno (+3,9%). Nelle regioni del Centro d’Italia, le esportazioni sono in linea con il corrispondente periodo del 2017 (+0,5%).


Su base regionale, è di particolare interesse focalizzare l’attenzione sulle esportazioni della Calabria, le quali fanno registrare un incredibile aumento pari a +34,3% rispetto al I trimestre del 2017. Se nei primi tre mesi del 2017 le esportazioni della Calabria ammontavano a 104 milioni di euro, nel periodo gennaio-marzo 2018 l’export regionale è stato pari a 139milioni di euro. Le altre regioni più dinamiche sono la Valle d’Aosta (+19,2%), la Sicilia (+9,5%) e la Campania (+8,3%). Il grafico mostra come per alcune regioni, la crescita tendenziale sia molto bassa, se non addirittura negativa.


«Queste dinamiche devono essere valutate con estrema cautela, poiché i valori di riferimento delle esportazioni calabresi sono ancora estremamente bassi: la regione assorbe una quota di circa lo 0,1% delle esportazioni nazionali», dichiara Francesco Aiello, Professore Ordinario di Politica Economica all’Università della Calabria.
Questo dato è confermato nel primo trimestre 2018. Tuttavia, l’incremento che si è osservato in questi primi tre mesi dell’anno segnala una certa dinamicità dell’export regionale, la cui variazione tendenziale è di gran lunga superiore a quella delle altre regioni.


«Se il dato dovesse essere confermato nei prossimi trimestri – prosegue Aiello -, allora si potrebbe sostenere con un minimo di attendibilità che le produzioni regionali iniziano a collocarsi con successo in qualche nicchia di interesse nei mercati internazionali. Forse, la regione, inizia a crescere».

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: