Crotone, tra le aziende dilaga il lavoro nero

A rivelarlo un'indagine dell'Ispettorato del lavoro della città pitagorica. Dai controlli è emerso che oltre il 50% delle imprese impiega lavoratori privi di contratti e tutele

di Redazione
mercoledì 21 marzo 2018
13:06
Condividi

Un'azienda su due in provincia di Crotone non è in regola. Il dato è stato diffuso dall’Ispettorato territoriale al lavoro relativi al 2017. «Obiettivo principale dell'attività - è scritto in un comunicato dell’ente - il contrasto al lavoro nero, con particolare riguardo all'impiego irregolare di lavoratori nei settori dell'agricoltura, dell'edilizia, della ristorazione e dei pubblici esercizi». Secondo gli accertamenti effettuati dall’ispettorato su 432 aziende, 213 sono risultate non conformi, con un tasso medio di irregolarità di circa il 50%.

 

Il tasso di irregolarità più alto è stato quello registrato nel settore dell'edilizia, pari al 74,19%: dei 64 cantieri sottoposti a vigilanza tecnico-amministrativa 46 sono risultati irregolari, con 31 lavoratori in nero. Gravi le anomalie registrate anche nel settore terziario. Su 260 lavoratori censiti, 124 sono risultati irregolari. Complessivamente sono state elevate sanzioni per oltre 184mila euro. Contestati, inoltre, 98 illeciti amministrativi e 80 violazioni penali (di cui 63 nel settore edile) i cui responsabili sono stati denunciati.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: