Cgil ai senatori calabresi: ‘Non votate il jobs act’

Il sindacato chiede ai parlamentari calabresi, di tutti i partiti, di boicottare il Jobs Act, la riforma del lavoro voluta dal governo Renzi.

di redazione
3 dicembre 2014
06:06
Condividi

“Non votate il jobs act e il blocco dei contratti pubblici! I governi passano ma le leggi liberticide possono restare a fare guai”. Questo l’appello della Cgil Calabria a deputati e senatori calabresi. A coloro che hanno già sostenuto la riforma viene invece chiesto di non partecipare alle “manifestazioni in programma il 12 dicembre per lo sciopero generale”.


“La votazione del Jobs Act e del blocco dei contratti – è scritto nella nota – è un atto sbagliato, che produrrà danni ai lavoratori e alle lavoratrici italiani e calabresi, rispetto al quale ci batteremo con tutti gli strumenti. I parlamentari calabresi hanno scritto una brutta pagina. Lo Statuto dei lavoratori e l'articolo 18 fu un risultato della lotta unitaria della "sinistra" e della sinistra della Dd: portò diritti e democrazia nei luoghi di lavoro. Che differenza con la sinistra di oggi. Di Vittorio, Foa, Trentin, Piero Boni, Gino Giugni, Brodolini, Donat Cattin, Macario, Marini, Carniti furono i sostenitori di questo importante avanzamento di libertà e di civiltà. E in Calabria personalità come Fausto Gullo, Giacomo Mancini, Misasi e tanti altri. Che differenza di stile e di valori con gli attuali rappresentanti”.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
COMMENTI
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio