Design: terza edizione per Materia independent festival

La kermesse si svolgerà dal 20 al 23 settembre al Complesso monumentale del San Giovanni, l’Ex Stac e il museo Marca a Catanzaro. L'evento negli ultimi due anni ha registrato la partecipazione di diverse migliaia di visitatori

venerdì 7 settembre 2018
11:25
Condividi
Il filofono del Laboratorio Artigiano di Ennio Gentile
Il filofono del Laboratorio Artigiano di Ennio Gentile

È giunto alla terza edizione l’ambizioso progetto Materia independent design festival che si svolgerà dal 20 al 23 settembre al Complesso monumentale del San Giovanni a Catanzaro. La kermesse si pone l’obiettivo di diventare il principale festival sul design nel Sud Italia e riferimento per tutto il panorama nazionale. Il progetto è ideato e sviluppato da Officine Ad, studio fondato dagli architetti catanzaresi, Domenico Garofalo e Giuseppe Anani, che definiranno il chilometro del design nel pieno centro storico del capoluogo della Calabria. Nelle prime due edizioni il festival, nato come una scommessa, ha registrato importanti numeri sempre in crescendo: diverse migliaia di visitatori e grande rilevanza sui più prestigiosi media e riviste nazionali di settore, imponendosi velocemente come riferimento nel panorama del design nazionale e portando, di anno in anno, innovazione, cultura, investimenti sul territorio facendo dialogare e contaminare i diversi attori e attraendo espositori, investitori, visitatori.

 

"Past meets future"

Come curatore della terza edizione di Materia design festival è stato scelto l’architetto e designer Sergio Fabio Rotella, nativo di Catanzaro con studio a Milano e Pechino, personaggio creativo ed eclettico che vanta prestigiosi progetti di architettura e interior design in Italia e all’estero. Il tema scelto per questa edizione 2018 di Materia è “Past meets future”, con l’obiettivo di rafforzare la mission di creare connessioni tra l’esperienza dell’artigianato e la capacità di innovazione del design, per la progettazione di prodotti con origini radicate nella tradizione ripensati verso il futuro, avviando processi di valorizzazione del territorio. Due le novità estremamente sperimentali: “Made in Calabria” e “Souvenir Calabria”, una serie di contaminazioni tra designer internazionali e aziende del territorio calabrese, con l’obiettivo di generare prodotti nati da tecniche tradizionali e materiali calabresi rielaborati dalla visione contemporanea di alcuni dei protagonisti del design nazionale e internazionale.

 

I designer

Le sedici contaminazioni avviate coinvolgono: i giapponesi Setsu e Shinobu Ito con Menniti & Mercuri per la realizzazione della poltroncina e libreria Ioniki, l’israeliano Ronen Joseph con l’azienda Domenico Cugliari con la madia MONTEROSSO, l’argentino Gerardo Mari e Porta Cosfer con Clypeum, Sergio Fabio Rotella con Cotto Cusimano, Antonio Aricò e Saverio Zaminga con Nirù, Marco De Masi e i ceramisti di Squillace IdeArt, il Tornio e  Deco Art con le Calabreffe, Imma Matera e Tommaso Lucarini con l’Azienda Salvatori per i vassoi MEDÍ, Domenico Garofalo, Massimo Sirelli e Studio F con HERA, Luca Maci e Arte Marmo Calabrò con Pentagramma, Domenico Gioia con l’artigiano Marzia De Rosa con Ficarrazza, Gerardo Mari e Fabbriche Musicali Calabresi con Tamburello, Gerardo Mari e Gruppo Pedullà con Pepperpillow, Flavia Aprilini con Saportipico, Beppe Facente e l’azienda Salvatori con Calabria, Giorgio Caporaso e l’azienda Salvatori con Calabrella, Sergio Cascavilla con Piccanti Amori.

 

Workshop e Aperitalk

Materia design festival sarà caratterizzato da una combinazione di attività formative e ludiche, informali e interattive con un linguaggio contemporaneo e di rottura con gli schemi classici design exhibition di giovani designer provenienti da tutta Italia, aziende locali e showroom, aperitalk con i premio compasso d’oro Setsu e Shinobu Ito, l’Israeliano Ronen Joseph, l’argentino Gerardo Mari, l’esperto internazionale di eco design ed economia circolare Giorgio Caporaso, workshop full immersion con Domenico Gioia sulla grande importanza che oggi riveste il packaging nel mondo del design, design experience con l’artista Massimo Sirelli con un focus sulla Calabria tra installazione partecipata e interattività, esposizione all’Ex Stac di Food Graphic, mostra itinerante dedicata al packaging con selezione premio OneMorePack, esposizione al museo Marca a cura di Mario Verre sulla contaminazione contemporanea dei mobili tradizionali del Mediterraneo, pranzi con designer informali nel centro storico, eventi musicali serali e coinvolgimento di attività commerciali di tutta la città genereranno una quattro giorni di atmosfere sperimentali e contemporanee di assoluto livello.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: