Siglata collaborazione triennale tra Unicef e università di Padova

L’accordo, sottoscritto dal presidente Francesco Samengo, mira a realizzare una serie di iniziative legate alla promozione di una cultura dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

di Redazione
7 settembre 2019
09:47
Condividi

È stata firmata a Padova un’importante convenzione tra l’università degli studi della città centro di ateneo per i diritti umani “Antonio Papisca”/cattedra Unesco diritti umani, democrazia e pace e l’Unicef Italia con il comitato regionale Veneto per l’Unicef per una collaborazione triennale che prevede di realizzare una serie di iniziative legate alla promozione di una cultura dei Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

 

Nell’ambito della convenzione, sono previste diverse attività, tra cui l’organizzazione di eventi, seminari, giornate di sensibilizzazione sulle tematiche di tutela e promozione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, legate (nel 1° anno) alla celebrazione dell’anniversario dei 30 anni della Convezione – anche con la possibile collaborazione del Consiglio regionale e dei Consigli comunali del Veneto – e alla presentazione del Rapporto annuale dell’Unicef; la formazione di un gruppo di studenti del corso di laurea in “Scienze politiche, relazioni internazionali, diritti umani” (L-Srd) e del corso di laurea magistrale in “Human Rights and Multi-level Governance” (Lm-Hrg) sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che possano successivamente svolgere interventi nelle scuole; la pubblicazione di materiali di ricerca o policy papers prodotti nell’ambito delle attività progettuali e di advocacy dell’Unicef Italia.

I protagonisti dell’evento

Ad aprire la cerimonia l’intervento musicale dell’orchestra giovanile La Rejoussance, testimonial Unicef con Eleonora Zanne, violino; Riccardo Baldizzi, violoncello; Paolo Zanin, vibrafono.

 

All’evento – introdotto e moderato da Gioia Lovison, responsabile ufficio comunicazione, università di Padova – sono intervenuti: Laura Nota, delegata del rettore in materia di inclusione e disabilità; Francesco Samengo, presidente dell’Unicef Italia; Gabriella Salviulo, direttrice centro di ateneo per i Diritti Umani “Antonio Papisca”; Mariella Andreatta, presidente comitato regionale Unicef Veneto; Nicole Fraccaroli, responsabile YoUnicef Verona; Francesca Benciolini, assessora alla Pace, ai Diritti Umani e alla Cooperazione internazionale del comune di Padova; Roberto Valente, segretario generale del Consiglio regionale del Veneto; Marco Mascia, cattedra Unesco “Diritti Umani, Democrazia e Pace”.

Per l’Unicef erano inoltre presenti i presidenti provinciali del Veneto: per Padova Paolo Merlo; per Belluno Maria Cristina Zoleo, per Rovigo Annamaria Vesco De Filippo, per Treviso Velina Cristinzio Bianco, per Venezia Silvio Chiari, per Vicenza Vincenza Di Prima.

Le collaborazioni con il mondo accademico

«L’Unicef Italia nel 1987 ha avviato la sua prima esperienza con il mondo universitario promuovendo il primo corso universitario multidisciplinare di Educazione allo Sviluppo proprio con l’università degli studi di Padova, a seguito del quale è stato attivato a livello nazionale il Programma Unicef con le università, che ha fra gli obiettivi principali la conoscenza della Convenzione sui Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, il trattato sui diritti umani più ratificato al mondo, di cui quest’anno ricorrono i 30 anni dall’approvazione da parte delle Nazioni Unite», ha dichiarato il presidente dell’Unicef Italia Francesco Samengo.

«Proprio per rafforzare l’azione di conoscenza e formazione sul tema dei diritti dell’infanzia, vorrei ricordare che, - continua il presidente -  come Unicef Italia, abbiamo recentemente firmato due protocolli d’intesa con il Miur e con la Crui/Conferenza dei rettori delle università italiane. Vorrei inoltre ricordare anche il progetto di rilevanza internazionale ‘Liberi di scegliere’, con cui stiamo operando a fianco del tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, per aiutare le mamme che hanno espresso la volontà di salvare i propri figli dal destino sicuro del carcere o della morte, sostenendole nel loro cammino di riscatto e di legalità».

«Promozione e realizzazione dei Diritti dell’infanzia»

Gabriella Salviulo, direttrice del centro di ateneo per i diritti umani “Antonio Papisca”, ha sottolineato che «la firma del protocollo d’intesa tra università degli Studi di Padova - centro di ateneo per i diritti umani “Antonio Papisca” - e Comitato italiano per Unicef Italia sancisce e testimonia la volontà e l’impegno alla collaborazione per la promozione e la realizzazione dei Diritti dell’infanzia».

«La firma del protocollo avviene nel 2019, anno che commemora il trentennale della approvazione della Convenzione Internazionale dei diritti dei bambini, - continua la direttrice -  che sancisce la centralità delle bambine e dei bambini e dei loro diritti, come persone. Alla luce del protocollo, è programmato l’evento commemorativo che si terrà il 20 novembre prossimo nell’aula magna di questo ateneo e rivolto agli studenti delle ccuole secondarie, nella convinzione che per dare centralità all’infanzia è necessario che questa sia centrale nelle coscienze dei cittadini, quindi è fondamentale avere cura della loro formazione. Il Centro Diritti Umani onorerà il protocollo con la vocazione che è propria: la formazione e l’educazione, con particolare riferimento alla formazione dei giovani volontari Unicef».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio