Immobile sequestrato alla mafia diventa sede di alcolisti anonimi

Il sindaco di Reggio ha spiegato che il «centro avrà lo scopo di aiutare chi soffre di questa problematica per sconfiggerla e per far in modo che nessuno rimanga indietro»

di Redazione
martedì 29 gennaio 2019
16:15
9 condivisioni
Reggio Calabria
Reggio Calabria

È stata inaugurata oggi a Reggio Calabria, alla presenza del sindaco Giuseppe Falcomatà e della consigliera delegata ai beni confiscati, Nancy Iachino, la sede dell'associazione alcolisti anonimi e dei gruppi familiari A-Anon. Si tratta di un bene confiscato alla 'ndrangheta, al quarto piano di un immobile di via Giudecca, concesso dall'amministrazione comunale con lo scopo di riutilizzo per finalità sociali.

 
«Collocare la sede dell'associazione alcolisti anonimi al centro storico aiuta ad affrontare con decisione una problematica che se affrontata insieme può essere sconfitta, nella consapevolezza che in questa città nessuno è solo e nessuno deve rimanere indietro» ha detto il sindaco Falcomatà.

 

«Reggio Calabria, in questi ultimi quattro anni, sta cercando di trasformare un triste primato - ha spiegato il primo cittadino - quello di avere il più alto numero di beni confiscati sul territorio, ribaltandone il verso, puntando al più alto numero di restituzioni alla collettività per finalità sociali, come avviene quest'oggi al termine di un percorso iniziato più di un anno fa con la vittoria da parte dell'associazione alcolisti anonimi del bando pubblico di assegnazione».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream