Arte e solidarietà: ecco il progetto di restauro per la “Nuvola” del Santa Maria di Reggio

Stamani al museo diocesano di Reggio Calabria illustrati i dettagli dell'iniziativa che vedrà il recupero dell'opera danneggiata dal sisma del 2016. Il restauro, totalmente gratuito, verrà effettuato dai due professionisti reggini Sante Guido e Giuseppe Mantella. 

di A. P.
martedì 5 giugno 2018
14:23
Condividi

La “nuvola” della Madonna del santuario di Santa Maria in Via di Camerino, in provincia di Macerata, ritroverà il suo splendore a Reggio Calabria. L’opera- danneggiata a causa del sisma del 2016 che ha devastato il centro Italia- verrà restaurata gratuitamente dai due professionisti reggini, Sante Guido e Giuseppe Mantella, i quali grazie al Museo diocesano Monsignor Aurelio Sorrentino spenderanno la loro professionalità per il recupero della “macchina processionale”.

 

L’iniziativa si chiama “Arte salvata: dopo il terremoto, un restauro per Camerino” ed è stata presentata stamani al museo diocesano reggino dalla direttrice Lucia Lojacono alla presenza di Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo di Reggio Calabria-Bova, e del sindaco reggino Giuseppe Falcomatà. «Si tratta  di un’azione concreta- ha affermato la direttrice Lojacono- per il recupero del patrimonio storico-artistico delle regioni dell’Italia centrale danneggiato in occasione del terremoto 2016. Il progetto nasce per iniziativa dei due restauratori calabresi di acclarata competenza e fama, Sante Guido e Giuseppe Mantella, che offrono a titolo gratuito la propria professionalità per il restauro di un prezioso e pressoché inedito manufatto di oreficeria sacra sei-settecentesco danneggiato dal sisma. La disponibilità di Guido e Mantella- ha concluso la direttrice Lojacono- è stata accolta e fatta propria dal Museo diocesano che ha messo a disposizione i propri spazi per l’allestimento di un cantiere di restauro aperto alle visite e nei prossimi mesi curerà, ad affiancare il restauro, un articolato programma di eventi, con il coinvolgimento di enti e associazioni che vorranno sostenere il progetto». L’evento ha il patrocinio dell’Arcidiocesi di Camerino-San Severino Marche, del  Ministero dei Beni culturali e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione Calabria, della Città Metropolitana di Reggio Calabria, dei Comuni di Reggio Calabria e Camerino, dell’Ufficio nazionale beni culturali CEI e dell’Associazione Musei Ecclesiastici Italiani (AMEI).

 

«Non potevamo restare indifferenti- ha dichiarato invece il sindaco reggino Falcomatà, di fronte alla tragedia che ha colpito il centro Italia. Una tragedia che ha devastato non solo la vita degli abitanti ma, anche l’enorme e prezioso patrimonio artistico-culturale dei paesi coinvolti. Reggio Calabria ha provato sulla propria pelle la ferita del terremoto e quindi con questa iniziativa- ha concluso il primo cittadino- mette in campo le professionalità del territorio per il recupero dell’opera a cui è devota tutta la comunità di Camerino e delle Marche». A breve quindi partirà il progetto di restauro, un progetto che la popolazione reggina potrà visionare direttamente presso la sede del museo diocesano Monsignor Aurelio Sorrentino.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: