Dieta mediterranea e nuoto, parte il progetto dedicato agli adolescenti

“Dimenu” è volto a promuovere uno stile di vita sano al fine ridurre i rischi di insorgenza di malattie. Questa mattina la presentazione all'Unical

24 gennaio 2019
19:26
214 condivisioni

Successo per la prima conferenza stampa dedicata a Dimenu, il progetto sperimentale volto a promuovere uno stile di vita sano, sin dall’adolescenza, al fine ridurre i rischi di insorgenza di malattie metaboliche e cronico-degenerative in età adulta.
Questa mattina, dal Centro sanitario del Dipartimento di Farmacia e Scienze della Nutrizione dell’Università della Calabria, ha ufficialmente preso il via, alla presenza di oltre 70 giovani che saranno coinvolti attivamente nei prossimi 24 mesi.


Promosso e organizzato da Amphiios S.C.R.L., responsabile dell’attività sportiva attraverso la gestione della piscina comunale di Cosenza in collaborazione con l’agenzia di comunicazione e pubblicità Elle17 , l’Istituto di Istruzione Superiore di Castrolibero, l’Università della Calabria-Dipartimento di Farmacia e Scienze della Salute e della Nutrizione e il centro biomedico e nutrizionale Health Center di Cosenza, DIMENU è stato presentato a valere sul POR Calabria FESR-FSE 2014-2020.


Sposato dalla Regione Calabria per la sua portata innovativa, come ha sottolineato il dirigente regionale Menotti Lucchetta durante il suo intervento in conferenza, l’iniziativa è rivolta agli adolescenti di età compresa tra i 14 e i 17 anni, che saranno inseriti in un programma alimentare aderente alla DM e in un programma di attività sportiva legato al nuoto.

Significativa, in questo senso, la collaborazione del Dipartimento di Farmacia e Scienze della Salute e della Nutrizione e dell’ Health Center, a cui spetterà il compito di raccogliere, misurare e valutare i parametri metabolico-nutrizionali, alla luce delle risposte del sistema immunitario a scopo di miglioramento delle conoscenze riguardo le correlazioni tra nutrizione, nuoto e stato di salute negli adolescenti.

 

Durante la conferenza, oltre al contributo scientifico apportato dalla profossoressa Daniela Bonofiglio e dal nutrizionista Emanuele Manes, sono intervenuti il professor Sebastiano Andò, responsabile del titolo di Eccellenza ottenuto dal Dipartimento, Carmine Manna, organizzatore del progetto e presidente della piscina comunale di Cosenza, la docente del Liceo di Istruzione Superiore di Castrolibero, Elena Cocca, che ha evidenziato l’entusiasmo da parte dei giovani coinvolti e la collaborazione delle famiglie e la titolare dell’agenzia di comunicazione Elle17, Lonia Fiordalisi, responsabile dell’immagine grafica e di tutti gli aspetti promozionali.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio