Pulpito in chiesa vietato ai sindaci, la Diocesi spiega: «Facevano politica»

Nuova puntata della disputa tra amministratori e vescovo di Oppido che precisa: «È il Concilio che vieta alle autorità civili di parlare durante le funzioni»  

di Agostino Pantano
30 settembre 2019
17:16
327 condivisioni
Non è raro vedere un sindaco parlare dal pulpito di una chiesa
Non è raro vedere un sindaco parlare dal pulpito di una chiesa

Nessuna nuova disposizione vescovile, ma solo l’applicazione di quanto da sempre stabilisce il Diritto canonico, con in più la presa d’atto del fallimento di “un esperimento” tentato in questi anni sul ruolo che i sindaci devono avere quando si insedia un parroco. È sintetizzata così la posizione della diocesi di Oppido Mamertina-Palmi, espressa in un lungo comunicato stampa – annunciato dal vescovo Francesco Milito nel servizio che abbiamo dedicato al caso nei giorni scorsi – per chiarire i contorni di una polemica che fin qui non aveva registrato il punto di vista del clero locale.

Erano stati i sindaci di Cosoleto e Scido, Nino Gioffrè e Giuseppe Zampogna, a protestare per il divieto che avevano subito in occasione dell’immissione dei due nuovi parroci dei loro paesi: avevano seguito la funzione, con tanto di fascia, ma gli era stato comunicato che non potevano prendere la parola per portare il saluto della comunità.      

«Nel corso degli anni – afferma l’Ufficio per le comunicazioni sociali della diocesi reggina - si è tentato di prevedere un intervento da parte dei sindaci. L’esperimento non si è dimostrato proficuo per due ragioni fondamentali: l’eccessivo prolungamento temporale della liturgia e interventi spesso lontani dalla natura della Liturgia e sfociati in comizi e propagande politici».

 

Da qui, da questa analisi a metà tra misurazioni cronometriche e stima dell’applausometro, nasce la decisione di applicare quanto successivamente al Concilio Vaticano II si prevede nel cosiddetto Benedizionale.   

«Dovendo, pertanto, evitare che nella Liturgia entrassero elementi tali da inficiare il valore cultuale – argomentano dalla diocesi - si è preferito attenersi in tutto all’indicazione legittima dei libri liturgici. A questo dovranno attenersi anche tutti i presbiteri per altre circostanze».

Respinte al mittente le polemiche sollevate dagli amministratori, e ribadito che le autorità civili rimangono lontano dall’altare mentre sono in corso funzioni liturgiche, l’Ufficio diocesano cita gli articoli e i libri che spiegano che  «l’eventuale saluto della cittadinanza si effettuerà opportunamente, secondo le consuetudini locali, in tempo e luoghi concordati». Anche il benvenuto del massimo rappresentante della comunità sarebbe ammesso, ma la nota passa a precisare “per tempi e luoghi concordati si intendono tempi e luoghi diversi dalla stessa celebrazione dell’Eucaristia».

«La norma è ripresa nel Pontificale Romano – specifica il comunicato stampa -  in riferimento all’inizio del ministero di un nuovo vescovo nella sua diocesi. È noto come, da sempre, l’intervento dell’autorità civile in quella occasione avviene fuori dalla celebrazione liturgica e fuori dalla chiesa cattedrale». Secondo il vescovo il saluto sarebbe possibile, dunque, ma durante cerimonie civili e in luoghi diversi dalle chiese, visto che l’invasione di campo osservata durante “l’esperimento” fatto avrebbe confuso il sacro con il politico.  

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Agostino Pantano
Giornalista

Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto l...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio