Capocolonna, iniziati i lavori per la la rimozione del cemento dal sagrato ma arriva lo stop del comune

Negli scorsi mesi un gruppo di cittadini aveva occupato il cantiere protestando contro la colata di cemento che ricopriva i resti di un antico Foro Romano

di Redazione
14 luglio 2015
10:23
Condividi

Il Comune non sarebbe stato avvisato, né dalla ditta né dalla Soprintendenza archeologica: questo il motivo per cui avrebbe bloccato gli operai intenti a rimuovere la colata di cemento dal sagrato del santuario. Dopo un sopralluogo effettuato ieri dai vigili urbani, infatti, il comandante Antonio Ceraso ha convocato la ditta, per chiedere chiarimenti. 

 

I lavori per la rimozione del cemento dal sagrato del santuario di Capocolonna, che stava coprendo alcuni reperti storici che testimoniavano la presenza di un antico Foro Romano nell’area, erano iniziati nella mattinata di ieri.

 

Negli scorsi mesi alcuni cittadini, riuniti sotto la sigla del Comitato Salviamo Capocolonna, avevano dato vita ad una mobilitazione generale occupando il cantiere. Sarà rimosso prima il muretto su cui poggia l’inferriata e successivamente la fascia di cemento che ricopre resti del Foro romano.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
COMMENTI
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio