Raganello, violano i sigilli sul Ponte del Diavolo e postano i selfie: denunciati

I due, vantandosi, erano entrati nella zona rossa interdetta ai visitatori dopo la tragedia dell'agosto 2018 in cui morirono dieci persone

di Salvatore Bruno
6 agosto 2019
17:11
70 condivisioni

Hanno violato i sigilli apposti all’ingresso delle gole del Raganello, teatro il 20 agosto del 2018, della tragica piena in cui persero la vita dieci persone, ed hanno postato dei selfie sui social, vantandosi di aver superato la zona interdetta ai visitatori. Per questo i militari del Reparto Carabinieri Parco di Civita hanno denunciato due persone, un uomo e una donna rispettivamente di Rende e Cosenza.

Area interdetta 

Da alcune settimane l’area è oggetto anche di una ordinanza comunale del sindaco di Civita, con disposizioni restrittive finalizzate all'impedimento fisico di accesso ed è costantemente monitorata. Le due persone denunciate avevano violato la zona di località Pietraponte, tra i comuni di Civita e San Lorenzo Bellizzi, e di località Ponte del Diavolo di Civita.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream