Vigili del fuoco fuori dall’aeroporto, la replica: «Seguite tutte le norme»

Riceviamo e pubblichiamo la nota di replica all’articolo pubblicato relativo al caso denunciato dall’Usb quando sabato alcuni pompieri sarebbero stati lasciati fuori dalla scalo lametino

lunedì 11 marzo 2019
18:47
108 condivisioni

“Le guardie giurate ,con decreto del Ministero degli interni,rappresentate dalla Fisascat Cisl e addetti alla sicurezza aeroportuale, con decreto del Ministero infrastrutture e trasporti Enac, in servizio presso lo scalo Lametino ci tengono a illustrare ai pompieri, in particolare ai rappresentanti degli iscritti con l'unione sindacale di base, il programma nazionale di sicurezza PNS.
Per poter avere accesso alle aree sterili dell'aeroporto tutto il personale, indipendentemente se forze dell'ordine o operai o addetti alla pubblica sicurezza, devono essere muniti del tesserino aeroportuale e anche tutti i mezzi di stato o privati devono essere muniti di pam di accesso; nel caso in cui dovesse esserci un'emergenza per la quale è richiesto l'ausilio di vigili del fuoco di altre caserme, l'accesso è ovviamente libero e rapido.
Il caso evidenziato dal sig. Iiritano dell' Usb, con particolare riferimento a sabato scorso, non riguardava nessuna emergenza ma bensì era richiesto l'accesso in pista di alcuni pompieri che non prestano servizio in aeroporto, per effettuare un semplice corso di formazione, senza aver fatto prima richiesta, ignorando le procedure previste dal ministero e non dalla società di gestione.
Con la presente i rappresentanti degli addetti alla sicurezza si congratulano con i colleghi in servizio per essersi attenuti scrupolosamente al programma nazionale di sicurezza”.

 

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: